La crema idratante profumata per il corpo

Crema idratante: eccomi con la recensione di due campioncini utilizzati nei giorni scorsi!

Questa volta parliamo di crema idratante per il corpo.

Ho già parlato qui di un’ottima crema idratante ed al tempo stesso rassodante per il corpo.

Utilizzare tanti cosmetici a me non piace. Preferisco il cosmetico multiuso. Se un prodotto riesce a svolgere diverse funzioni contemporaneamente per me è meglio. Ed anche per le mie tasche.

Ovviamente non sempre è possibile. Difficilmente, ad esempio, un gel rinfrescante per le gambe stanche e pesanti potrà svolgere anche una funzione idratante e/o nutriente.

Le creme che sto per recensire, invece, secondo me sono più che altro delle coccole da concedersi ogni tanto.

Non perché siano prodotti scadenti, anzi.

Per quel che ho potuto constatare durante i pochi giorni del test, sono funzionali, piacevoli da usare e soprattutto profumate. Ed hanno ottimi ingredienti, naturalmente.

Vediamo nel dettaglio. (a sinistra Montalto a destra Flora)crema idratante

La crema per il corpo di Montalto Natura Arancia e Liquirizia (qui trovate il set regalo compreso di bagnodoccia).

Questa è una crema per il corpo molto particolare e sicuramente adatta alle persone che amano i profumi abbastanza intensi e persistenti (checchè ne dica la descrizione, che definisce l’aroma ‘delicato’).

Come sa chi mi legge, non è il mio caso! 😀

Mi ha colpito per la sua ottima spalmabilità ed il suo rapidissimo assorbimento, oltre che per gli ingredienti non usuali e tutti di pregio.

Inci: aqua, cetyl babassuate, theobroma grandiflorum seed butter, butyrospermum parkii butter, glycerin, octyldodecanol, sucrose tristearate, sucrose palmitate, parfum, glyceryl caprylate, calendula officinalis flower extract, sodium cocoyl glutamate, sodium cocoyl hydrolyzed wheat protein, disodium capryloyl glutamate, potassium cocoyl PCA, citrus aurantium dulcis (orange) peel oil, citrus medica limonum (lemon) peel oil, citrus aurantium bergamia (bergamot) fruit oil, xanthan gum, rosmarinus officinalis (rosemary) extract, elettaria cardamomum seed oil, cinnamomum zeylanicum leaf oil, ocimum basilicum (basil) oil, cuminum cyminum (cumin) seed oil, citrus nobilis (mandarin orange) peel oil, lonicera caprifolium (honeysuckle) flower extract, lonicera japonica (honeysuckle) flower extract, canola oil, glucose, lactoperoxidase, glucose oxidase, citric acid, silver chloride deposited on titanium dioxide, limonene, linalool, cinnamal, citral.

L’emulsione, abbastanza densa, è costituita principalmente da due bei grassi naturali: il burro di Cupuacu e il burro di Karitè, entrambi idratanti, protettivi ed elasticizzanti.

Il tocco asciutto e setoso della crema è garantito da un emolliente vegetale derivante dall’olio di Babassu. Lascia la pelle morbida a lungo.

Il profumo, come vedete, è abbastanza in alto e questa cosa non mi piace tantissimo, perché tutti gli ingredienti successivi sono presenti in percentuali davvero bassine: altri emollienti naturali, estratto di calendula, proteine idrolizzate, una marea di oli essenziali (alcuni potenzialmente fotosensibilizzanti, quindi non usatela prima di esporvi al sole), ed alla fine c’è anche l’argento, sì proprio lui, metallo che, secondo la descrizione,” illumina la pelle”.

Francamente non ho notato la funzione illuminante.

E’ certamente una buona crema ma secondo me potevano metterci meno profumo.

Non la comprerei soprattutto per questo: l’aroma, all’inizio piacevolmente agrumato, diventa poi troppo ‘legnoso’ per me (ma c’è da dire che io sono particolare da questo punto di vista).

Passiamo alla seconda crema idratante per il corpo che ho provato, la Crema fluida Blu di Flora (qui).

Crema molto diversa da quella precedente, più semplice e dal profumo più delicato (ma che si fa sentire, comunque).

Inic: Aqua, Helianthus annuus seed oil, Caprylic/Capric Triglyceride, Glycerin, Glyceryl Stearate Citrate, Sucrose Stearate, Polyglyceryl-4-Cocoate, Cetyl Alcohol, Sodium Ricinoleate, Brassica Campestris Rapeseed Sterols, Cetearyl Alcohol, Lavandula hybrida oil, Lavandula officinalis oil, Lavandula spica oil, Cananga odorata flower oil, Zingiber officinale root oil, Glyceryl Caprylate, Sodium Levulinate, Sodium Anisate, Xanthan Gum, Tocopherol, Hydrogenated Palm Glycerides Citrate, Lactic Acid, Linalool, Limonene, Geraniol, Farnesol, Coumarin, Benzyl Benzoate.

Gli emollienti principali sono olio di girasole (media pesantezza) e Caprylic/Capric Triglyceride (più pesante), ma grazie agli emollienti successivi, più asciutti, la crema non risulta unta.

E’ una crema di media corposità, da far assorbire con un veloce massaggio, lascia la pelle idratata e asciutta.

La consiglio a chi ama il profumo di lavanda, perché si sente davvero tanto, pur restando una fragranza abbastanza delicata.

Oltre alla funzione idratante, svolge anche un’azione lenitiva e calmante, grazie alla lavanda, alla Brassica campestris (che sarebbe in sostanza la rapa o ravizzone) ed allo ylang ylang. La trovo perfetta da stendere di sera, dopo una giornata faticosa e stressante.

Ottima anche come doposole.

Tra i due campioncini ho preferito senz’altro quest’ultimo, soprattutto per il gradevole profumo di lavanda che ho trovato davvero molto rilassante. La crema di Montalto, però, è di più rapido assorbimento (caratteristica importante per alcune persone).

In definitiva, se amate le creme che si assorbono in fretta e che hanno profumi ‘importanti’, queste due fanno al caso vostro.

Le avete provate?

Alla prossima!