Biocosmesi…e non solo

Creme che funzionano: svelato il segreto!

Creme che funzionano: ecco come riconoscerle!

Ti sei mai chiesta perchè alcune creme funzionano davvero ed altre no?

Quali sono le caratteristiche che deve avere un cosmetico realmente funzionale e come distinguerlo da un altro che è, invece, sostanzialmente “acqua fresca”?

In questo post cercherò di rispondere a queste domande!cosmetici realmente funzionali

Creme che funzionano: ecco come NON sono fatte!

Risponderò a questa domanda, illustrando prima di tutto come non deve essere fatta una crema che funzioni davvero, di qualsiasi genere essa sia.

In parole povere, una crema che sia realmente funzionale NON è fatta con ingredienti sintetici.

Per “sintetico” non mi riferisco ad un prodotto, a base, ad esempio, di vitamina C, che è comunque creata in laboratorio ma che, mimando in tutto e per tutto l’acido ascorbico naturale, viene ugualmente riconosciuto dalla pelle.

Certo, è sempre preferibile utilizzare la vitamina C davvero naturale, quella che prendiamo da frutta e verdura: e questo è certamente vero!

Lo stesso discorso vale anche per gli integratori: è sempre meglio prendere le vitamine, i minerali ed altre preziose sostanze direttamente dai cibi!

Il fatto è che non sempre ciò è possibile, per diversi motivi.

Sappiamo, ad esempio, che la vitamina C è estremamente labile e si disattiva dopo pochi minuti a contatto con la luce, il calore eccetera.

In questo caso, è necessario creare una formula che renda stabile e funzionale la vitamina C per poterla utilizzare a beneficio della pelle.

Tornando al discorso centrale, per “sintetica” mi riferisco a quel tipo di crema elaborata con ingredienti che la pelle NON riconosce come affini: si tratta di ingredienti naturali ma impuri, come petrolati, vaselina, paraffine ed oli minerali oppure totalmente sintetici ma inerti ed assolutamente non funzionali come i siliconi.

I petrolati, ad esempio, (ma non solo) hanno molecole talmente grosse da non raggiungere gli strati profondi della pelle che resta, quindi, denutrita e disidratata.

Inoltre, legandosi al sebo di superficie, formano sostanze nocive che non permettono alla pelle di “respirare” e provocano comedoni, soprattutto in pelli miste e grasse.

Il naturale scambio di sostanze idratanti ed ossigeno tra la pelle e l’ambiente esterno viene impedito, con conseguenze evidenti: pelle secca, asfittica, acneica, impura.

E’ possibile anche la comparsa di allergie.

Oltre ad essere dannosi oppure semplicemente non funzionali per la pelle, questi ingredienti sono inquinanti e quindi non rispettosi dell’ambiente e dell’ecosistema in generale.

Vuoi avere una bella pelle?

Scopri la guida!

creme viso funzionali

Creme che funzionano: ecco come sceglierle!

I cosmetici che si prendono realmente cura della pelle contengono esclusivamente ingredienti naturali, il più possibile affini alla pelle e da essa riconoscibili.

Le creme funzionali sono costituite da estratti vegetali, oli essenziali ed oli vegetali puri, preferibilmente provenienti da coltivazioni biologiche.

Si tratta di prodotti realizzati secondo i principi della “fitocosmesi”, una tecnologia che utilizza le piante medicinali come veri “attivi” funzionali per prendersi cura della pelle.

Le piante più comunemente utilizzate in fitocosmesi sono: aloe (idratante, rinfrescante, lenitivo), amamelide (astringente ed antiarrossante), bardana (antimicrobica, astringente), fucus (drenante e stimolante), lavanda (antisettica, calmante, lenitiva), malva (emolliente, antinfiammatoria), salvia (antisettica, tonificante) e molte altre.

Un esempio di crema creata secondo i principi classici della fitocosmesi è quella di Remedia ⇒qui

Un altro ingrediente utilizzato in fitocosmesi è l’olio essenziale, davvero efficace, purchè sia rigorosamente puro e privo di aggiunte dannose.

Le molecole degli oli essenziali sono molto piccole, pertanto penetrano velocemente e profondamente nella pelle, attraverso un veicolo tipo crema o gel, oppure disperse nell’acqua.

Tra gli oli essenziali più utilizzati per trattare i diversi tipi di pelle: Tea Tree Oil (antifungino, antiacne, battericida), Lavanda (antisettica, lenitiva, rinfrescante, cicatrizzante), Cipresso (astringente, vasocostrittore, per couperose), Rosa Damascena (idratante, cicatrizzante, per pelle con rughe, pelle matura), Ylang Ylang (riequilibrante, antiage, per smagliature, ricompattante).

Argital e Flora creano i loro prodotti a base di oli essenziali!

creme che funzionano davvero

Gli oli vegetali sono ampiamente utilizzati in fitocosmesi come “veicoli” per oltrepassare la barriera della pelle e raggiungere gli strati più profondi.

Quelli più leggeri e con molecole piccole penetrano meglio nella pelle, quelli con peso molecolare più alto sono più indicati per la pelle secca: olio di Jojoba (pelle grassa, tutti i tipi di pelle), Argan (antiage), Rosa Mosqueta (antiage, pelle secca), olio di Albicocca (pelle normale o atonica), olio di Germe di Grano (pelle secca, delicata, matura).

Creme che funzionano: i cosmeceutici

I cosmeceutici sono cosmetici altamente efficaci: si tratta, infatti, di prodotti a metà strada tra cosmetici e farmaci.

E’ una sostanza che si presenta in forma farmaceutico-cosmetica come siero, crema, lozione, emulsione: viene utilizzata sulla pelle come un cosmetico ma ha un’azione più profonda simile a quella di un farmaco (ma senza effetti collaterali).

Sono prodotti assolutamente bio-compatibili e si avvalgono di sostanze derivate da ingredienti naturali, vitamine, vegetali, enzimi, peptidi, antiossidanti.

Si tratta di cosmetici creati con alcune sostanze ammesse nella categoria dei cosmetici come l’acido ascorbico (ne ho parlato a inizio post), il retinolo (vitamina A), il Dmae, l’acido lipoico, la caffeina ed altri ingredienti che si sono dimostrati capaci di contrastare le problematiche estetiche più importanti, come l’invecchiamento, la cellulite, le smagliature.

Altri ingredienti tipici dei “cosmeceutici”, di cui parlo diffusamente in questo blog sono la vitamina E, l’acido ialuronico, le ceramidi, gli acidi della frutta come l’acido glicolico.

Un esempio di crema “cosmeceutica” è “Alba” di Algovit⇒qui

Un marchio di biocosmesi che crea cosmetici secondo principi simili a quelli della cosmeceutica è Fitocose.

Vuoi avere una bella pelle?

Scopri la guida!

E’ tutto sulle creme che funzionano, avete spunti, idee, suggerimenti?

Saranno ben accolti, alla prossima! 😉

2 pensieri su “Creme che funzionano: svelato il segreto!

  1. sunrice

    Buon fine settimana Pau,
    Utilissimo articolo che senza troppi giri di parole e in modo fruibile spiega le fondamentali differenze tra un prodotto tradizionale e uno di derivazione naturale il più possibile! La cosmeceutica invece per me è ancora una terra pressoché sconosciuta…So che cosa è, che dovrebbe racchiudere un cocktail funzionale di principi attivi ad alta concentrazione e che potrebbe rivelarsi ancor più mirata e potente ma non mi pare proprio di aver provato nulla…devo rimediare anche perché ultimamente se ne sente parlare piuttosto spesso e mi incuriosisce…approfondiremo!
    Bacetti mirati:-**e buon week end;-)

    1. pauline Autore dell'articolo

      Ciao cara! 🙂
      Hai dato una buona definizione di “cosmeceutica”: si tratta di una branca della cosmesi, diversa dalla fitocosmesi classica, che potremmo definire “high tech”, ovvero a base di attivi altamente funzionali ma sempre di derivazione naturale, come il retinolo, la vitamina C, la vitamina E, le ceramidi, l’acido ialuronico, gli oligopeptidi ecc…
      Non sono farmaci, ovviamente, ma penetrano a fondo nella pelle (raggiungono il secondo strato) e quindi sono più performanti di un normale cosmetico.

      Come ho accennato nell’articolo, i prodotti Fitocose (ma anche quelli di Alkemilla ed altri) sono studiati più o meno secondo questo approccio, anche se raramente troveremo la parola “cosmeceutico”, in quanto piuttosto controversa dal punto di vista legale.
      Basti pensare ai vari Jalus con acido ialuronico a basso peso molecolare in grado di oltrepassare lo strato epidermico ed agire a fondo.
      Quindi credo proprio che tu li abbia provati 😉
      Comunque è in programma un articolo di approfondimento su questo interessante argomento 🙂

      Grazie per l’apprezzamento, ti auguro una felice domenica! :-***

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *