La dieta secondo l’Ayurveda per ritrovare il benessere

Secondo l’Ayurveda non esiste una dieta valida per tutti.

Il regime alimentare va adattato al tipo di costituzione, alle stagioni dell’anno, alle fasi della vita.

Come promesso, torno sul tema dell’Ayurveda, questa volta affrontandolo dal punto di vista della dieta alimentare! 🙂

Partendo dalla schematizzazione già proposta in questo articolo e tornando a linkarvi il test per l’individuazione della costituzione, riassumo in questo modo le direttive alimentari principali per ciascun tipo di costituzione ayurvedica.dieta ayurveda

Vuoi avere una bella pelle?

⇒Scopri la guida!

La dieta ayurvedica per la costituzione Vata (Aria+Etere)

Il tipo Vata è, come già detto, tendenzialmente alto (ma può essere anche molto basso), magro, asciutto, nervoso, con pelle secca e tendenza alle rughe. 

Si muove e pensa velocemente, si stanca facilmente, ha poche energie di riserva, è il classico tipo che rischia l’esaurimento nervoso.

Di contro, è creativo, sensibile, flessibile.

L’ossatura è sottile, leggera e nodosa, è predisposto all’artrite, alle malattie ossee in generale (compresi i denti).

La sua sensibilità predispone il tipo Vata alle patologie della paura e dell’ansia.

La sua digestione è variabile, di solito non molto efficiente, perchè Vata manca di un elemento fondamentale per la digestione: il fuoco.

La secchezza lo predispone alla costipazione, per questo motivo è importante per lui bere molto.

Vata ingrassa difficilmente e dimagrisce con facilità, soprattutto se si stressa molto.

La dieta ideale per questa tipologia costituzionale, dunque, secondo l’Ayurveda, consiste di tre elementi di base che bilanciano gli squilibri di questo dosha: caldo, pesante, umido.

In termini concreti, Vata ha bisogno di mangiare cibi caldi e ben cotti, oleosi, cremosi, liquidi, zuppe fumanti in inverno, cereali integrali e nutrienti, carni bianche e pesce, frutta dolce e succosa, frutta grassa ed oleosa.

Il suo cereale d’elezione è l’avena (qui) ben cotta, calda e nutriente.

I semi oleosi sono molto adatti a Vata, soprattutto quelli di sesamo (qui).dieta ayurveda

La frutta secca è indicata per Vata, ma meglio reidratarla tenendola a bagno per una notte.

In inverno si può optare per le creme, come la Tahin, la crema di nocciole senza zucchero bianco (qui) la crema di mandorle (qui).

I latticini vanno bene per questa costituzione perchè la umidificano, ma in inverno non devono essere consumati freddi di frigorifero.

Vata può mangiare le verdure, privilegiando quelle cotte e dal sapore dolce e pungente, evitando quelle amare ed astringenti.

Moderazione nel consumo di solanacee (pomodori, peperoni, melanzane e patate) perchè irrigidiscono i muscoli e le giunture.

Anche i legumi non dovrebbero essere consumati da Vata in grandi quantità, perchè contengono molta aria (tranne le lenticchie rosse e nere).

Sì alla frutta dolce e matura (no a mele, melograno, mirtilli).

Vata può utilizzare tutte le spezie che gli danno il fuoco digestivo di cui è carente, ma in piccole quantità.

La spezia migliore per Vata è la potente Assafetida (qui).

⇒Vata deve evitare di mangiare cibi crudi e freddi (può consumarne solo un po’ in estate) e zucchero bianco che provoca decalcificazione ossea.

⇒LETTURA CONSIGLIATA: La cucina Ayurvedica (qui)

dieta ayurveda

La dieta ayurvedica per la costituzione Pitta (Fuoco+Acqua)

Pitta è la costituzione più equilibrata, in quanto comprende sia l’elemento riscaldante che quello umidificante.

Il principale obiettivo di questo dosha è di mantenere attivo ed equilibrato il suo eccezionale fuoco digestivo, che lo rende un gran mangiatore, capace di digerire di tutto.

La sua costituzione è media e regolare, di solito ha i capelli di colore biondo rossiccio e presenta macchie della pelle e lentiggini.

E’ il più predisposto all’attività sportiva perchè è agile e resistente.

Essendo l’unico dosha “caldo”, Pitta è esposto a tutte le malattie infiammatorie e a disturbi nervosi derivanti dall’ira, dalla gelosia e dall’invidia.

In compenso, è intelligente e brillante, ha talento manageriale ed intuito.

La dieta per Pitta consiste di cibi freschi, pesanti, dolci ed amari.

Può mangiare cereali integrali dolci e rinfrescanti come l’orzo (qui) ed il riso.

Il suo cibo d’elezione è frutta e verdura cruda e fresca, anche d’inverno.

Pitta è l’unica costituzione che può permettersi la dieta vegetariana e crudista.

Per lui sono indicati i succhi e gli estratti di frutta e verdura.

Deve però, evitare tutte le spezie, tranne quelle dolci e rinfrescanti come la cannella, il coriandolo, il finocchio.

Deve evitare pomodori, ravanelli, peperoncini, aglio e cipolla.

Può consumare moderatamente carni, uova, sale.

La frutta migliore per Pitta è quella dolce e rinfrescante, come albicocca, ananas, arancia, melone, pesca.

Vanno bene anche latte e formaggi, purchè freschi.

Gli oli migliori per Pitta sono quelli di oliva, girasole, mais e cocco (qui).dieta ayurvedaLa dieta ayurvedica per la costituzione Kapha (Acqua+Terra)

Il tipo Kapha è il più “rotondo” delle costituzioni ed il più predisposto al sovrappeso.

La sua caratteristica principale è l’umidità: i Kapha, infatti, sono molto esposti alla ritenzione idrica.

Ha un’ossatura grande e forte, gli occhi grandi e belli, la pelle liscia e naturalmente idratata, i capelli tendenzialmente grassi.

La sua forza si esprime anche nel carattere: è una persona, di solito, solida, paziente, costante, amorevole.

Kapha è la costituzione che meno può permettersi di mangiare.

Il suo imperativo è mangiare poco, leggero, secco, amaro e astringente.

Deve anche introdurre l’elemento fuoco nella dieta, in quanto mancante nel suo dosha.

Si deduce che Kapha deve privilegiare le verdure amare e piccanti, ben cotte, con l’aggiunta di spezie piccanti.

A differenza di Vata, può utilizzare anche le spezie molto piccanti ed in maggiore quantità.

Il fuoco, infatti, nel suo caso non serve semplicemente a scaldare, come nel Vata, ma deve “movimentare”, che è il principale bisogno di Kapha.

Le malattie che minacciano questa costituzione sono quelle legate all’obesità, gonfiori, edema, malattie da raffreddamento, ipertensione, diabete.

Non ha gran bisogno ne’ di cereali, ne’ di proteine.

Tra i primi il migliore per lui è la segale (qui).

Le carni non sono molto indicate per Kapha (soprattutto quelle rosse), meglio i legumi con poco olio e spezie riscaldanti per facilitarne la digestione.

La spezia migliore per questa costituzione è la senape (qui).

La frutta migliore è quella astringente: mele, pere, mirtilli, pere, mango.

Deve evitare il più possibile il consumo di zuccheri e latticini, cibi oleosi e pesanti.

Un ottimo alimento per Kapha è il tè verde (quistimolante ed astringente.

⇒LETTURA CONSIGLIATA: La cucina Ayurvedica (qui)

dieta ayurveda

N.B. Le informazioni riportate in questo articolo non intendono sostituire i consigli del medico, al quale spetta ogni diagnosi, prescrizione  ed indicazione terapeutica.

Vuoi avere una bella pelle?

⇒Scopri la guida!

 

Ci sarebbe ancora molto da dire, ma mi fermo qui altrimenti scrivo un papiro 🙂

Se avete domande specifiche sulla dieta ayurvedica, chiedete nei commenti!

A presto!