Biocosmesi…e non solo

Idrolato di La Saponaria alla Salvia (ed altri) – Review

L’idrolato purificante e rinfrescante

Non vedevo l’ora di scrivere la recensione di questo idrolato di La Saponaria!

Come ho già scritto, questa azienda mi piace molto, per la qualità dei suoi prodotti e per i prezzi onesti. Sono tutte caratteristiche che apprezzo tantissimo e che devono essere sicuramente prerogativa, a mio avviso, di ogni azienda eco bio che si rispetti.

Non sono una grande fan dei toniciinvece trovo che gli idrolati abbiano il loro “perchè”.

Cos’è un idrolato?idrolato

In parole semplici, sono acque aromatiche ricavate per distillazione delle piante officinali.

In particolare, quello alla Salvia di La Saponaria è ottenuto dalla distillazione in corrente di vapore delle foglie e dei rametti della pianta, ovvero la ‘mitica’ Salvia Officinalis.

Scopri di più⇒ qui

Il suo inci name è tutto qui: non contiene altro.

Rispetto al comune tonico, l’idrolato è un prodotto molto più semplice ma molto più concentrato, in cui vengono conservate integre tutte le proprietà della pianta.

E quelle della Salvia Officinalis sono davvero tante: antibatteriche, purificanti, sebonormalizzanti, stimolanti e deodoranti.

Stimola la microcircolazione periferica ed è ottima per le pelli impure, oleose, a tendenza acneica.

Non a caso, la salvia viene utilizzata tantissimo in detergenti e shampoo ad azione purificante ed antisettica.

Io non ho la pelle particolarmente oleosa ed impura (grazie anche alle cure che le dedico), ma ho voluto provare ugualmente l’idrolato alla Salvia per le sue molteplici funzioni, benefiche praticamente un pò per tutte le pelli.

Inoltre, ero curiosa di sperimentare l’idrolato sul cuoio capelluto, che da qualche tempo è più grasso ed ha sviluppato un pò di forfora.

Sì, la salvia è ottima anche contro la forfora!

Veniamo alla recensione d’uso.

L’idrolato è contenuto in una boccetta di plastica scura da 100 ml e costa dai 3 ai 3,50 euro, a seconda di dove lo acquistate. Un prezzo veramente onesto.

Il profumo è piuttosto aromatico, a me ricorda il rosmarino, più che la salvia, di cui si percepisce appena qualche nota.

L’ho sempre applicato con un dischetto di cotone su tutto il viso: l’effetto immediato è di grande freschezza. Qualche minuto dopo si può già notare come la pelle sia più liscia.

L’ho utilizzato per circa un mese e devo dire che l’effetto astringente, se pur lieve, si è fatto sentire: zona a T meno unta e pelle più tonica.

L’uso dell’idrolato non si limita a quello di tonico: è un prodotto davvero versatile.

Si può, infatti, utilizzare, come dicevo, anche sui capelli, o meglio, sul cuoio capelluto, come una vera e propria lozione.

Per maggiore praticità, ho travasato l’idrolato in un contenitore di vetro scuro con spruzzino (sempre di La Saponaria) ed è stato quindi facilissimo distribuirlo in testa.

⇒LETTURA CONSIGLIATA: Bellezza 100% Bio (qui)

⇒LETTURA CONSIGLIATA: Sette riti di bellezza giapponese (qui)

idrolato

E qui l’effetto è stato ancora più incisivo rispetto al viso: la prima volta ne ho spruzzato una buona quantità ed infatti ho notato che, dopo l’asciugatura, le radici erano un pò “crespe”.

Le volte successive ne ho versato di meno ed è andata decisamente meglio: radici più asciutte e cuoio capelluto più pulito! Posso dire, se pur con prudenza, che anche la forfora è diminuita.

Mi raccomando, se volete provarlo in testa, usatelo esclusivamente sulle radici, nei punti in cui la cute è più grassa. Mai sulle lunghezze!

Un altro consiglio è quello di travasare l’intero contenuto nello spruzzino e prelevarlo sempre e solo da lì: la boccetta di La Saponaria, a mio avviso, ha un’apertura troppo larga che causa una eccessiva fuoriuscita di prodotto.

Con questo stratagemma, invece, uscirà meno liquido ed il prodotto durerà di più.

Ma non finisce qui: l’idrolato di Salvia (ma qualsiasi tipo di idrolato) può anche essere utilizzato, al posto della semplice acqua, per preparare maschere purificanti per il viso, il corpo ed i capelli (il cuoio capelluto).

Scopri di più⇒ qui

Ho provato anche l’idrolato di Hamamelis, l’idrolato di Camomilla e quello di Rosa.

Che dire…sono tutti buonissimi!

Quello di Hamamelis profuma di tè, secondo me, è delicatamente astringente e lenitivo. Ottimo per pelli miste e sensibili.

Quello alla salvia è più ‘strong’, adatto per pelli grasse/acneiche.

Quello di Camomilla ha un profumo delicatissimo, è molto lenitivo e disarrossante, ha anche proprietà purificanti, l’ho usato sia da solo che come base per realizzare un ottimo tonico lenitivo. Basta aggiungerci un pò di glicerina...;-)idrolato

Il top è, probabilmente, quello di Rosa..!idrolato

Ha un profumo inebriante ed un’azione idratante ed illuminante. 

Non a caso si parla di “pelle giovane e fresca come una rosa”! 😉

Devo sperimentarlo ancora un pò, è il più versatile di tutti, visto che ha persino un’azione purificante ed antiforfora..vi aggiornerò sicuramente. 😉

Trovi l’idrolato di Rosa⇒ qui.

Scopri l’idrolato di Tea Tree di L’Aromoteca⇒qui

 

Vuoi avere una bella pelle?

Scopri la guida!

Avete provato l’idrolato di salvia? Conoscete gli idrolati La Saponaria?

Fatemi sapere, alla prossima! 😉

3 pensieri su “Idrolato di La Saponaria alla Salvia (ed altri) – Review

    1. pauline Autore dell'articolo

      Sì, ma non di La Saponaria. La lavanda è un jolly, adatta un pò a tutti, è antibatterica, lenitiva, riequilibrante e rinfrescante..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *