Invecchiamento cutaneo: come prevenirlo e curarlo

L’invecchiamento cutaneo prende il via a partire dai vent’anni.

Per rallentare l’inevitabile processo, esistono numerose strategie naturali e potenti alleati che permetteranno alla tua pelle di essere al meglio ad ogni età.

L’invecchiamento della pelle è l’inevitabile destino di tutti gli esseri umani.

Ma si può affrontare e gestire al meglio per minimizzarne gli effetti estetici e, soprattutto, per godere di una buona salute generale.

Come sfiorisce la pelle

Fin quando è giovane la pelle si rinnova da sola, attraverso il “turn-over cellulare”, ovvero una esfoliazione naturale e continua.

Le cellule vecchie muoiono e vengono rimpiazzate subito da quelle nuove.

A partire già dai 25 anni, ma in maniera più marcata dai 45 anni, questo processo rallenta: le cellule si addossano l’una all’altra e l’epidermide diventa più spessa, acquisendo un aspetto grigio e stanco.

Collagene, elastina e acido ialuronico, i principali sostegni della pelle, diminuiscono.

Il film idro-lipidico che la protegge si modifica e si impoverisce: la pelle appare più fragile e disidratata.

Appaiono rughe più o meno marcate e spesso macchie scure.

Questo processo in alcune persone può avvenire in età abbastanza giovane (anche 30 anni), soprattutto se non si sono protette dal sole ed hanno seguito un cattivo stile di vita.

Vuoi avere una bella pelle?

Scopri la guida!

invecchiamento cutaneo

Cosa fare per ritardare l’invecchiamento

  • Per riattivare il turn-over cellulare, una buona abitudine è effettuare un lieve massaggio circolare (anche quotidiano) con un pannetto in microfibra (magari lo stesso che usate per struccarvi). E’ utile anche per riattivare la circolazione all’interno dei capillari, che tende a rallentare.
  • L’uso costante dello scrub ha anche questo obiettivo.
  • Un altro metodo, peraltro più efficace, per stimolare il rinnovamento cellulare, è l’uso di acidi, come il glicolico.

Lo scopo principale, comunque, è quello di non intaccare il film idro-lipidico della pelle che, con l’invecchiamento, tende ad impoverirsi.

Per questo è necessario:

  • evitare i lavaggi aggressivi;
  • utilizzare rimedi e cosmetici naturali;
  • evitare sostanze sintetiche che non penetrano nella pelle e la “soffocano”.

E’ molto importante che ciascuna persona segua una beauty routine adatta al suo tipo di pelle: secca, mista/grassa, sensibile.

Se ci sono degli squilibri o, peggio, delle vere e proprie malattie della pelle, bisogna porvi rimedio subito: questo è il primo, fondamentale gesto antietà.

invecchiamento cutaneo

L’importanza della depurazione

Una delle principali cause dell’invecchiamento della pelle è l’accumulo di tossine nel corpo.

Poca cura di sè e cattiva alimentazione appesantiscono gli organi emuntori (fegato, intestino, reni, polmoni e pelle) che già devono eliminare le scorie provenienti dall’interno.

La pelle scarica le tossine attraverso i suoi pori: se queste scorie non vengono eliminate completamente, l’organismo si indebolisce ed anche la pelle ne risente, apparendo spenta, opaca ed invecchiata.

Per disintossicarsi è bene bere molto e seguire un’alimentazione leggera, a base soprattutto di:

In particolare, per depurare il fegato sono utili piante come il tarassaco, il carciofo (Puoi acquistarlo⇒qui) il rosmarino.

Per l’intestino si può ristabilire una sana flora batterica attraverso i probiotici, come i Bifidobatteri e i Lattobacilli (Puoi acquistarlo⇒qui) ed i prebiotici, che sono fibre che favoriscono la crescita dei batteri “buoni”.

invecchiamento cutaneo

Gli antiossidanti per una pelle sempre giovane

Fra le armi più potenti ed efficaci a nostra disposizione per ritardare l’invecchiamento cutaneo e contrastare i radicali liberi, responsabili dell’ossidazione delle cellule, vi sono:

  • Vitamine A, CE (da assumere con il cibo ed i cosmetici);
  • Coenzima Q10 (ubiquinone): svolge un’importante attività antiossidante, impedisce la degradazione dei grassi e delle proteine della membrana cellulare e favorisce la rigenerazione della vitamina E. E’ molto efficace perchè protegge il collagene e l’elastina, restituendo tonicità alla pelle. Col passare dell’età la sua produzione diminuisce. E’ contenuto soprattutto nel germe di grano, noci, cereali ed in molte verdure. Esistono anche integratori e creme.

Puoi acquistarlo⇒qui

  • Picnogenolo: è un estratto naturale derivante dalla corteccia di un pino marittimo. Contiene antociani, bio-flavonoidi ed acidi organici. Ha una spiccata attività antiossidante, antinfiammatoria e e protettiva dei vasi sanguigni. Protegge la vitamina C e ne potenzia gli effetti. Stabilizza il collagene;
  • Flavonoidi: sostanze di colore giallo presenti in natura. Comprende tutto il gruppo dei polifenoli. Sono vaso-protettori, lenitivi, anti-arrossamento, alcuni agiscono come antiossidanti altri come dermo-purificanti. Ne è ricco il mirtillo nero ed esistono anche creme a base di queste sostanze (⇒ qui);

Puoi acquistarlo⇒ qui

  • Resveratrolo: ha un’azione antinfiammatoria, antiossidante e immuno-stimolante; rallenta l’invecchiamento di pelle, capelli e vasi sanguigni. E’ contenuto nelluva, nel vino rosso, nei pinoli e nelle arachidi. Esistono integratori a base di resveratrolo come questo, mixato ad altri antiossidanti.

Puoi acquistarlo⇒ qui

  • Acido Ialuronico: fa parte del tessuto connettivo e da esso dipende il grado di idratazione della pelle. Con l’età diminuisce. Si può utilizzare sia esternamente che per via interna. Tonifica la pelle, rendendola più elastica e combatte le rughe. Esistono cosmetici a base di acido ialuronico;

Puoi acquistarlo⇒ qui

  • Acido lipoico: partecipa e numerosi processi enzimatici del corpo. E’ tra i più potenti anti-radicali liberi. Ripristina l’attività antiossidante delle vitamine C ed E. Può essere usato sia localmente, tramite cosmetici, sia per via interna, come integratore. E’ anche un potente depurativo.

Puoi acquistarlo⇒ qui

  • Grassi essenziali Omega: utili soprattutto per la pelle secca, sensibile, affetta da disturbi cutanei. Sono indicati anche per rafforzare i capelli e le unghie.

LETTURA CONSIGLIATA: Invertire l’invecchiamento (qui)

LETTURA CONSIGLIATA: Sette riti di bellezza giapponese (qui)

invecchiamento cutaneo uva

Gli oli vegetali per nutrire la cute

Sono preziosi alleati di bellezza e giovinezza: possono essere usati da soli o aggiunti alla crema quotidiana.

I più efficaci per combattere l’invecchiamento cutaneo sono:

  • Olio di Sesamo (Puoi acquistarlo⇒qui): ricco di acidi grassi insaturi, con un leggero filtro UVB, è un olio tonico, stimolante e persino riequilibrante del sebo. Utile anche in caso di couperose e di irritazioni della pelle. E’ il più versatile;
  • Olio di Canapa (Puoi acquistarloqui): un olio eccezionale, con un alto livello di grassi essenziali. E’ idratante, restitutivo, protettivo ed antinfiammatorio;
  • Olio di Karitè (Puoi acquistarloqui): ricco di insaponificabili, acido linoleico, vitamine, stimola la produzione di collagene e rende la pelle elastica. Nutre, idrata, lenisce e previene le smagliature;
  • Olio di Avocado (Puoi acquistarlo qui): ricco di vitamine è un ottimo rigenerante, addolcente e nutriente per le pelli secche, stanche ed avvizzite. Ha una lieve protezione solare;
  • Olio di Rosa Mosqueta (Puoi acquistarloqui): ricco di acidi grassi polinsaturi, è particolarmente indicato in caso di invecchiamento precoce, rughe profonde, macchie, smagliature;
  • Olio di Borragine (Puoi acquistarloqui): ricco di acido gammalinoleico, è adatto per pelli con invecchiamento precoce. E’ un olio “illuminante” ed è efficace anche sulle macchie. Adatto anche a pelli grasse, allergiche, con eczema.
  • Olio di Vinaccioli (Puoi acquistarloqui): il più indicato per problemi di circolazione e couperose. Ricco di Omega 6, è un olio antiossidante, benefico sia per la pelle che per i capelli.

olio di rosa mosqueta pelle

Le regole importanti per tutte le pelli

  • Proteggersi dai raggi solari (a tutte le età);
  • Idratare e nutrire adeguatamente la pelle sia con cosmetici adeguati che tramite il cibo (soprattutto a partire dai 25 anni);
  • Evitare lo stress psico-fisico;
  • Evitare l’eccesso di medicinali;
  • Evitare il fumo, l’alcol e l’inquinamento;
  • Garantirsi un riposo sufficiente;
  • Fare attività fisica.

N.B. Le informazioni contenute in questo articolo non intendono sostituire i consigli del medico, al quale spetta ogni diagnosi, prescrizione ed indicazione terapeutica.

Vuoi avere una bella pelle?

Scopri la guida!

E voi cosa fate per contrastare l’invecchiamento cutaneo?

Aspetto i vostri consigli, grazie!