Biocosmesi…e non solo

La soia: quanto fa bene?

La soia, tante proteine e grassi buoni

La soia è tra i principali sostituti della carne, grazie all’ottima quantità di proteine.

La vera carta vincente della soia sono i grassi: a differenza di quelli della carne, sono polinsaturi  e proteggono dalle malattie cardiovascolari.

La soia: ecco un alimento che, grazie alle sue innumerevoli caratteristiche, merita certamente un articolo a parte! 😉

Si tratta di un legume, originario dell’Estremo Oriente, altamente proteico (contiene oltre il 26% di proteine). la soia

Per questa sua caratteristica si presta molto bene a sostituire la carne.

La soia contiene, infatti, a differenza di altri legumi, tutti gli aminoacidi essenziali.

E’ il principale pasto proteico di vegetariani e vegani.

Tuttavia, l’aspetto più interessante della soia, dal punto di vista nutrizionale, sono i grassi: sono tutti polinsaturi (i cosiddetti grassi buoni), che proteggono realmente dalle malattie cardiovascolari.

Ci sono moltissime varietà di soia coltivate nel mondo: le più conosciute sono la soia gialla, la soia verde e la soia rossa (o azuki).

La soia gialla è indigesta, in quanto contiene una sostanza tossica: per questo viene trasformata in altri cibi, come il tamari, il miso, il tofu e il tempeh.

Tra l’altro, è la meno sicura, a causa delle mutazioni genetiche che subisce di continuo.

Inoltre, la soia gialla è la meno equilibrata dal punto di vista nutrizionale, proprio a causa della sua eccessiva quantità di proteine e grassi, che la rendono poco digeribile.

La soia verde (qui) e la soia rossa (qui) invece, sono più compatibili con l’alimentazione umana.

La soia rossa è benefica per i reni e, secondo la Medicina Tradizionale Cinese, drena l’umidità-calore; la soia verde, invece, purifica il calore ed è disintossicante.

Un altro aspetto positivo della soia, che la rende un alimento benefico, è la presenza doppia di lecitina rispetto ad altri legumi.

La lecitina emulsiona i grassi e ne facilita l’espulsione attraverso la bile e le feci.

E’ adatta, quindi, a chi soffre di colesterolo alto.

La soia vanta, poi, un ottimo contenuto di sali minerali (ferro, potassio) e vitamine ed un rapporto ben bilanciato di calcio-fosforo e vitamina B.

I semi della soia contengono anche un’ottima quantità di isoflavoni ed estrogeni, sostanze naturali molto importanti per attenuare alcuni sintomi della menopausa, spesso vissuti in modo negativo.

Gli estrogeni favoriscono anche un lieve turgore delle mammelle.

Esistono anche integratori di soia (qui).la soia

La soia moltiplica le proprie virtù salutari se consumata sotto forma di germogli (qui): indicati per abbassare il colesterolo alto e la pressione quando supera il livello di guardia. Ottimi anche per soggetti astenici, demineralizzati e stressati.

Un’altra celebrità è la salsa di soia (qui), anche Tamari o Shoyu, che credo tutti abbiamo assaggiato una volta nella vita al ristorante cinese.

La salsa di soia è un ottimo sostituto del sale (sicuramente più sano), e può essere usata per condire innumerevoli piatti.

Viene utilizzata anche per condire il delizioso sushi!la soia

Molto gettonate, ultimamente, sono anche le bevande a base di soia (qui), in sostituzione del latte.

Sono leggere ed a basso contenuto di grassi, adatte proprio per tutti.

Possono essere consumate anche dai celiaci, perchè, dove specificato, non contengono glutine.

Il consiglio è sempre quello di acquistare soia e derivati da coltivazione biologica, per essere certi di consumare alimenti non geneticamente modificati.

N.B. Le informazioni riportate in questo articolo non intendono sostituire i consigli del medico, al quale spetta ogni diagnosi, prescrizione  ed indicazione terapeutica.

⇒Hai una domanda? Iscriviti al Blog e chiedi a me!

Se non hai domande iscriviti per restare aggiornato!

[newsletter_form]

Scopri tutti i legumi qui

Conosci meglio il latte vegetale qui

Mangiate abitualmente la soia o non vi piace?

Grazie per l’attenzione, alla prossima! 😉

 

4 pensieri su “La soia: quanto fa bene?

    1. pauline Autore dell'articolo

      Ciao Rossana, benvenuta 🙂

      Io l’ho mangiata un paio di volte con il riso, non è tra i miei legumi preferiti, a dire il vero.
      Dipende dal gusto personale, obiettivamente non ha un sapore cattivo.
      Puoi cucinarla come un normale legume, tenendola in ammollo almeno dalla sera prima.

      Come te apprezzo la soia soprattutto sotto forma di yogurt (lo mangio tutte le mattine con il muesli), germogli (li adoro) e salsa 🙂
      Non amo molto nemmeno il tofu, anche se a volte lo mangio 🙂

  1. Sunrice

    Buondì Pau,
    la soia è un altro di quegli elementi che si sente sempre nominare per via dei suoi numerosi impieghi,ma che poi una si chiede sempre “ma alla fine che cos’é”?:-)))
    In realtà ho provato il tofu (che da solo non mi dice granchè,ma utilizzato come materia prima per altri piatti non mi dispiace),il tempeh (l’ho mangiato un paio di volte ma non mi ricordo bene se mi era piaciuto o meno,credo però di ricordarlo positivamente),i germogli (provati 1 volta,anche di questi ho un vago ricordo di tanti anni fa,ma positivo) e la salsa di soia,che invece l conosco da una vita e l’ho ritrovata in tempi più recenti in qualche pasto “etnico” e mi piace,si sposa bene praticamente con tutto,infatti prima o poi la prenderò per casa…Ma la soia vera e propria l’ho vista un mesetto fa per la prima volta dove compro ogni tanto i cereali e ora anche i semi,mi ricorda molto i ceci e finalmente ho potuto darle un volto!Nemmeno immaginavo fosse un legume,ma ora che l’ho individuata vorrei provarla anche così,nature!
    Grazie al tuo articolo,adesso so che oltre ad essere il sostituto vegetale più amato dai vegani,ha anche numerose proprietà e potrò approcciarmi meglio pure a questa new entry!!:-))

    P.S. Zalone l’ho rivisto volentieri anch’io e quella parte girata in Molise mi ha fatto venire nostalgia,spero di tornare presto a visitare quei posti “selvaggi”….La zia Ritella,invece,me la risparmio volentieri:-)))))))))

    Un bacione bella,a prestissimo!!:-**

  2. pauline Autore dell'articolo

    ahahhahaha ciao bella! 😀

    Che scemo Zalone, ho beccato per caso il film l’altra sera e siccome è ambientato da queste parti ho voluto vederlo..che dire demenziale, a tratti simpatico, una sorta di favoletta comica per adulti/bambini.
    Il Molise, poi, è dipinto come un posto desolato e arcaico..ahimè molto poco veritiero! 😉

    Il tofu a me non va molto giù, a volte lo mangio insieme ad altri preparati ed è più accettabile. I germogli li adoro e li aggiungo spesso alle insalate oppure li mangio da soli, a doro a croccantezza dei germogli in generale.
    La salsa va centellinata, perchè è salata, anche se è un salato che fa bene…
    Sì la soia ricorda esteticamente i ceci, anche se il sapore è un pò diverso..non è tra i miei legumi preferiti, anche se conto di imparare a cucinarla in modi diversi, per poterla gradire di più ..:-))

    Fammi sapere se ti è piaciuta allora!!
    E fai un salto in Molise quest’anno!! 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *