Latte detergente fai da te: impara l’arte dello spignatto!

Fare il latte detergente in casa è semplice e non richiede competenze particolari.

Basta avere una ricetta, un pò di buona volontà e le materie prime giuste!

Hai intenzione di provare a formularlo?

E’ una buona idea e sei nel posto giusto.

Per guidarti nella formulazione di questo semplice latte detergente adatto a tutti i tipi di pelle, prenderò spunto dalla ricetta della mia insegnante di Cosmetologia.

Da leggere: latte detergente con buon inci

latte detergente fatto in casa

Alcune materie prime per l’auto-produzione

Ricetta del latte detergente

Ingredienti

  • Nella fase acquosa (Fase A): acqua depurata o idrolati 69,5% – estratti glicerici 3% – gomma xantana 0,5% – cetearyl glucoside (emulsionante) 2%.
  • Nella fase lipofila (Fase B): olio o oleoliti 25%.
  • Fase C: a preparazione ultimata aggiungere il conservante (l’insegnante ci ha consigliato il “Cosgard” , ma va bene anche il NoBact di La Saponaria), 18 gocce su 100 ml di latte detergente e gli oli essenziali a piacimento q.b. (circa 20/30 gocce su 100 ml di latte).
  • Si può sostituire il Cosgard (o NoBact) con alcool alimentare puro “buongusto” (in vendita nei supermercati) al 10% da aggiungere sempre a fine preparazione.
  • La percentuale dell’alcool andrà decurtata dall’acqua o dagli idrolati.
  • Se il latte detergente dovesse risultare troppo liquido, per aumentarne la consistenza, aggiungere il 2% di acido stearico.

Ed ora ecco il procedimento completo per la realizzazione del latte detergente fai da te!

olio latte detergente

Riscaldamento dell’olio

latte detergente frullatore

Fase A + Fase B

Latte detergente fatto in casa: procedimento

  • Portare l’acqua a circa 80° e sciogliere l’emulsionante, precedentemente impastato con un po’ d’acqua calda.
  • A parte sciogliere la gomma nell’estratto glicerico a freddo.
  • Riscaldare a bagno maria l’olio fino a portarlo a circa 50°.
  • Aspettare che la temperatura dell’acqua con l’emulsionante scenda fino a raggiungere la stessa temperatura dell’olio.
  • Controllare le temperature delle 2 fasi e se sono entrambe a circa 50° mescolare la fase acquosa A nella fase lipofila B a filo e contemporaneamente girare con un frullino (tipo quello per cappuccino) fino a formare l’emulsione.
  • Aggiungere la gomma incorporata nell’estratto glicerico.
  • Aspettare che il latte detergente si freddi ed aggiungere gli ingredienti della fase C (conservante ed oli essenziali).
  • Inflaconare in un flacone con dispenser.
  • Il latte detergente fai da te si conserva a temperatura ambiente per circa 1 anno.

Facile, vero?

latte detergente fatto in casa

Latte detergente spignattato

Materie prime cosmetiche

  •  Cetearyl Alchool

Emolliente, emulsionante e stabilizzante per la formulazione di creme viso e corpo. Si aggiunge a caldo alla fase oleosa.

  • Emulsionante vegetale

Adatto a pelli secche e sensibili e per la formulazione di latte detergente, crema viso e corpo, creme solari ecobio e prodotti anticellulite. Ottimo rapporto qualità/prezzo.

  • Estratto Glicerico di Uva Rossa

Estratto glicerico per la formulazione di latte detergente e creme viso dall’azione antiage ed antiossidante . L’Uva Rossa è ricca di polifenoli, vitamine e resveratrolo, dalle proprietà anti-radicali liberi.

  • Oleolito di Calendula

L’oleolito è ottenuto dalla macerazione dei fiori di Calendula, che ha proprietà antinfiammatorie, cicatrizzanti, emollienti. Si può utilizzare tal quale oppure nella fase lipofila di creme e latte detergenti.

Acquista il packaging di Simonetta Packaging

Allora, avete voglia di sperimentarvi nel fai da te?

Fatemi sapere, alla prossima!

Come avere una bella pelle