Biocosmesi…e non solo

Il latte vaccino fa male o è la solita bufala?

Il latte vaccino fa male o no?

Il latte vaccino fa male o si tratta di una questione soggettiva?

Si tratta di un alimento completo e nutriente, più adatto ai piccoli di mucca che all’organismo umano.

Può dare intolleranze e problemi di stitichezza: scopri di più su questo cibo e le alternative vegetali!

Il latte vaccino fa male o no?

E’ una domanda che sempre più persone si pongono da quando è aumentata la consapevolezza alimentare.

Sono stata in dubbio sulla categoria del blog in cui inserire questo post.

Alla fine ho deciso per quella dei cibi sani, perchè non si tratta di un alimento insano di per sè, ma può esserlo per l’uomo.

Il latte di mucca è ricco di proteine e calcio, è un alimento completo, con buone quantità di vitamine B.

Ma non è particolarmente indicato per l’essere umano.

Il latte più indicato per l’essere umano è, appunto, il latte umano.latte vaccino fa male

Il latte vaccino ha una quota proteica eccessiva per un neonato, tant’è che esso va diluito ed integrato di quota lipidica.

Inoltre, l’allattamento artificiale, negli ultimi anni, è stato messo in relazione ai sempre più frequenti casi di obesità infantile.

Da adulti, le cose non cambiano molto, anzi.

I casi di intolleranza a questo alimento sono sempre più frequenti, con i sintomi che conosciamo benissimo: gonfiore, crampi, cattiva digestione e diarrea, eczemi.

Ciò accade perchè dopo lo svezzamento, perdiamo un enzima, di nome lattasi, che ci permetteva di digerire questo alimento da bambini.

Sono poche le persone che tollerano il latte (ed i suoi derivati).

La maggior parte ha sintomi di intolleranza o fastidi, come la stitichezza, senza avere la consapevolezza che la causa è proprio il consumo di latte.

In generale, tutte le proteine animali possono causare stitichezza in quanto prive di fibre.

Il latte vaccino ed i suoi derivati, in particolare, causano numerosi problemi all’apparato digerente: stimolano fortemente la produzione di acidi nello stomaco, per cui possono causare gastrite e persino ulcera, provocano costipazione, crampi addominali e flatulenza.

Ma non solo: l’abuso di latticini può causare la produzione di muco in persone predisposte, quindi catarro.

Il muco in eccesso può essere smaltito anche dall’intestino (feci con muco) o attraverso i genitali.

L’eccesso di muco può depositarsi nell’organismo dando luogo a depositi, cisti, cellulite eccetera.

Nonostante ciò, è uno degli alimenti più consumati al mondo un pò per cattiva informazione, ma anche perchè dà dipendenza.

I polipeptidi contenuti nel latte influenzano le endorfine dando dipendenza, e ciò accade in molti casi di intolleranze.

A mio parere, nel caso si tollerino (e si approvino dal punto di vista etico), i latticini vanno consumati in piccole quantità, dando spazio soprattutto a quelli freschi e morbidi come yogurt, stracchino e mozzarella.latte vaccino fa male

I formaggi stagionati sono ipercalorici, ricchi di grassi saturi e sale ed andrebbero consumati sporadicamente.

La questione salutistica sfocia in quella etica anche per quanto riguarda il latte: le mucche non vengono pascolate come una volta in mezzo a verdi campi ma tenute in orrendi allevamenti intensivi.

Ciò significa una pessima qualità di vita per loro (che comunque vengono sfruttate per la produzione di latte) e un pessimo cibo per noi.

Pessimo perchè poco naturale e ricco di ormoni, antibiotici e antinfiammatori.

Per questi motivi vanno privilegiati i latticini di provenienza biologica.

Ancora meglio è cambiare strada e scegliere i vari tipi di latte vegetale.

Ecco quali sono e perchè sceglierli!

1)Latte di soia (qui): Se siete vegani o intolleranti al lattosio, il latte di soia è la scelta migliore. E’ un latte eccellente: privo di lattosio, di colesterolo, e ricco invece di grassi insaturi (buoni), proteine, lisina. Le proteine della soia, inoltre, tengono pulite le arterie e prevengono il tumore al colon, alla prostata ed al seno. Inoltre, gli isoflavoni di soia hanno un’azione simil-estrogenica per cui sono indicate per alleviare i sintomi della menopausa. Rispetto al latte vaccino, ha un ridotto impatto ambientale.latte vaccino fa male

2)Latte di mandorle (qui): E’ il più buono (almeno è quello che piace di più a me!) ed il più simile al latte materno. E’ ricco di vitamine (soprattutto A, D, E) , grassi insaturi, potassio e calcio. E’ dissetante ed ottimo in estate. E’ meno calorico del latte di soia. Favorisce il funzionamento dell’intestino, regola l’assorbimento degli zuccheri e controlla i livelli di colesterolo.

3)Latte di riso (qui): Ha un sapore piuttosto dolce, è privo di lattosio e di colesterolo. Non ha molto calcio, nè proteine, però è leggero e digeribile. E’ il meno grasso tra i latti vegetali e contiene vitamine A, B, D e minerali. Utile per regolarizzare le funzioni intestinali, è ricco di carboidrati e quindi molto energizzante. Di solito quello in vendita è integrato con calcio.

4)Latte di cocco (qui): E’ il più dolce e non contiene colesterolo. E’ ben tollerato da tutti. E’ molto nutriente e calorico e presenta molti grassi, ma sono quelli che favoriscono l’innalzamento del colesterolo buono, quindi previene le malattie cardiovascolari. Contiene molte fibre, quindi è saziante.

5)Latte di avena (qui): Ha sia carboidrati che proteine, è un alimento ben bilanciato, contiene Beta-glucani che abbassano il colesterolo. Contiene anche vitamina E e acido folico. Ha poche calorie e molte fibre.latte vaccino fa male

6)Latte di macadamia (qui): Non contiene nè lattosio, nè glutine, quindi è adatto anche ai celiaci. E’ piuttosto calorico ma, come le noci da cui deriva, ricco di vitamine del gruppo A e B, sali minerali, fibre e acidi grassi monoinsaturi. Anche questo latte aiuta a tenere sotto controllo il colesterolo.

Scopri i benefici della frutta secca qui

Scopri i cibi spazzatura qui

Gradite il latte vaccino o vi fa male?

Secondo voi il latte vaccino fa male?

Fatevi sentire, alla prossima! 😉

7 pensieri su “Il latte vaccino fa male o è la solita bufala?

  1. Sunrice

    Buon pomeriggio bella,
    finalmente un momento di calma per leggere con attenzione questo articolo,il cui tema mi interessa in prima persona!
    Non immaginavo neanche lontanamente che a parte le più note gastriti,intolleranze,etc..il latte vaccino potesse provocare dipendenza,stitichezza,essere espulso dai genitali e produrre catarro….Sono di quelle associazioni a cui uno non penserebbe mai!
    Dunque,per quanto mi riguarda,consumo i formaggi freschi e lo yogurt (e le carni)ma non più di un paio di volte a settimana,poichè dalla scorsa primavera cerco ,oltre agli zuccheri,di contenere e limitare anche le proteine animali…i formaggi stagionati,ahimè io li adoro,ma ormai sono ancora più occasionali.
    Il latte vaccino in sè,invece,saranno quasi 20 anni che non lo bevo più perchè mentre sotto forma di altri latticini lo tollero e digerisco benissimo,come latte vero e proprio no!
    Mi dissero che non era ovviamente un’intolleranza,bensì un fastidio legato al metodo di lavorazione del latte (tipo pastorizzazione o robe del genere),per cui 1 volta l’anno Accadì,poi ho capito che non cambiava di molto e ho eliminato del tutto…Io non so se questa storia che mi hanno detto può avere un fondamento,nei paesi anglosassoni il latte l’ho bevuto a tazzone e non mi dava alcun disturbo,ma sta storia della lavorazione mi lascia molti dubbi,per cui,come già sai,continuerò con yogurt e passerò ai latti vegetali (Preso il primo che non ancora aperto,ha più cereali insieme,bio,non appena esordirò in questo mondo ti dirò;-))…
    Diciamo che cmq per fortuna non sono così patita e non ne sento la mancanza,per cui,almeno questo,non è un sacrificio o rinuncia!

    Bacione cara:-***

    P.S. Non ci crederai,ma la crema mani La Saponaria del tuo kit Invasati mi è arrivata un paio di giorni fa ed ho iniziato ad usarla la notte coi guanti di cotone,poichè le mie mani in questo momento pare che abbiano le stigmate!A me già sta piacendo tanto,poi mi dirai cosa ne pensi tu!!:-)))

  2. pauline Autore dell'articolo

    Eccomi carissima!!
    Incredibile..hahahaha anche tu la crema al karitè! 😀
    Io avevo preso quella senza profumo all’olio di oliva e mi era piaciuta assai, immagino che questa sia simile, quindi ugualmente buona. Spero solo per l’odore…(mi attira parecchio comunque!)
    Anch’io il latte non lo bevo da anni, ma non perchè non lo tolleri o digerisca, ma perchè mi ha sempre fatto schifo da quando ero piccola. Solo l’odore mi fa venire la nausea..

    I latticini invece li adoro, specie yogurt e formaggi freschi e pure la mozzarella (che ahimè è piuttosto grassa). Anche quelli stagionati mi piacciono ma li limito solo alle occasioni speciali, cioè quasi mai 😀
    Purtroppo mi danno stitichezza, (scoperto tardi ma finalmente ho capito una delle cause!) quindi anche quelli freschi li mangio solo quando non riesco ad inventarmi nient’altro..di solito mangio ricotta, mozzarella, stracchino, robiola..queste cose qui.
    Lo yogurt ultimamente lo mangio solo di soia.
    Il tofu invece non mi piace per nulla, non riesco proprio a mangiarlo, ci ho provato, poi ho lasciato perdere: bisogna cibarsi cum grano salis, ma senza che diventi una punizione 😀

    Sì, i tuoi fastidi possono dipendere dalla pastorizzazione (non sai quanti disagi causino i cibi cotti…), eventualmente potresti provare quello crudo, ma c’è il pericolo batteri.
    Quindi se non ti manca, sei a posto, evitalo e basta 😉

    Fammi sapere del latte ai cereali!
    Un bacione 😉

  3. Sunrice

    Ahahah,siamo a posto entrambe…di certo al nostro primo incontro non andremo in una latteria!!:-)))
    Il tofu ho provato a mangiarlo tal quale leggermente scottato con un filo d’olio ed è abbastanza insapore,in realtà è più gustoso se utilizzato come una “materia prima”,infatti in un ristorante che fa anche cucina vegana,ho mangiato diversi piatti dove il tofu sostituiva il formaggio ed erano deliziosissimi!….Devo provare a riprodurli in casa,robe tipo pasta di farro ai funghi col tofu al posto della panna,squisita!!
    Per l’odore della crema,sono convinta ti piacerà!Io quella extravergine senza profumo la regalai ad un “maschietto” (la profumazione alla rosa non era proprio il massimo)e,una lieve profumazione in realtà si sente…..questa è simile,con una nota molto molto lieve alla fine di rosa,per cui non dovresti riscontrare grosse differenze!:-)

    1. pauline Autore dell'articolo

      ahahahahha no di certo!
      In effetti potrei rivalutarlo anch’io come materia prima, ci devo pensare..però una volta ho mangiato degli hamburger di tofu e li ho trovati disgustosi :-/
      Come collante all’interno di una pasta potrebbe essere un’idea..magari ci proverò! 😉

      Perfetto per la crema, se ha un odore tenue mi piacerà, gli olezzi infestanti non li ho mai sopportati 😀
      (tanto poi la recensisco)

  4. Rainbow

    Bellissimo articolo! Fa riflettere il fatto che le persone intolleranti al lattosio aumentino continuamente, no?

    Una volta che si inizia ad usare il latte vegetale non si torna più indietro!
    P.S. mai provato quello di nocciole? È il mio preferito 😉

    1. pauline Autore dell'articolo

      Ciao Rainbow, grazie! 😀

      Le intolleranze aumentano sempre più, purtroppo anche a causa della scarsa qualità del latte odierno, che risente dell’utilizzo massiccio di ormoni e antibiotici sui poveri animali e dei pesticidi usati per coltivare l’erba che mangeranno..

      E’ vero, il latte vegetale è buonissimo ed una volta provato difficilmente si abbandona 🙂
      Mai provato quello di nocciole, grazie per lo spunto, lo assaggerò di certo!! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *