Il miglior shampoo bio per il tuo tipo di capelli: dove si trova?

Come la crema per il viso, anche lo shampoo deve essere calibrato sulle nostre specifiche esigenze.

Quindi, non credo che esista il miglior shampoo in assoluto, ma ogni chioma ha il suo miglior shampoo, ovvero quello più adatto alle sue caratteristiche.

Però è anche vero che esistono obiettivamente prodotti di qualità e prodotti scadenti.

Innanzitutto bisogna imparare a riconoscere i prodotti migliori, cioè quelli formulati bene, delicati ma lavanti, il più possibile naturali e rispettosi della cute.

Poi, visto che qui si parla di biocosmesi, vi consiglio, ovviamente, di scegliere shampoo formulati con tensioattivi naturali ed ecosostenibili.

Da leggere: shampoo con buon inci

miglior shampoo capelli lunghi

Come scegliere il miglior shampoo naturale

Molte persone (me compresa) raccontano di non essersi trovate molto bene, nella prima fase del “passaggio”, con gli shampoo ecobio, che sono formulati con tensioattivi più delicati.

Questo accade, probabilmente, un po’ per abitudine a detergersi con prodotti molto lavanti (quelli che fanno schiuma, per intenderci) ed un po’ perché, effettivamente, soprattutto se si hanno i capelli grassi, i tensioattivi ecobio tendono a dare risultati meno ‘performanti’.

Tuttavia, il mercato dell’ecobio oggi si è evoluto ed offre davvero una molteplicità di prodotti tra cui scegliere, anche a prezzi assolutamente accessibili.

Per quanto riguarda i tensioattivi, quelli più comuni negli shampoo sono quelli di derivazione petrolifera, inquinanti e molto lavanti e schiumogeni.

Se non sono ‘addolciti’ da altre sostanze, risultano essere aggressivi sulla cute.

I più comuni sintomi da uso eccessivo di Sls e Sles sono:

  • Prurito accentuato
  • Cute dei capelli secca
  • Arrossamenti del cuoio capelluto
  • Forfora improvvisa e insistente
  • Effetto ‘rebound’
  • Capelli secchi e fragili.

Ciò accade perché questo genere di tensioattivi, oltre ad asportare lo sporco, toglie anche buona parte del sebo dalla pelle e dal cuoio capelluto.

Su una cute grassa questo, in alcuni casi, può essere un bene, su una cute secca e sensibile può portare a conseguenze “terrificanti”.

Ecco perché è preferibile usare tensioattivi di origine vegetale, più delicati e più rispettosi del film idrolipidico.

Anche nell’ambito dei tensioattivi ecobio, comunque, bisogna saper discernere tra quelli più lavanti e quelli più “gentili”.

Da leggere: shampoo non aggressivo

miglior shampoo capelli delicati

Scegli shampoo non aggressivi per i capelli

Il concetto di aggressività è abbastanza soggettivo: ciò che lo è per un tipo di capello lo sarà molto meno per un altro.

Un capello grasso tollera meglio (nella maggior parte dei casi) i tensioattivi chimici e le formulazioni un po’ più “strong”.

Anche il sale, che di norma tende a seccare, è meglio tollerato da questo tipo di capello.

Un capello secco, invece, di solito tollera malissimo i tensioattivi chimici.

I capelli secchi sono perlopiù anche fragili e con doppie punte.

Sono spesso delicati.

Questi capelli andrebbero lavati esclusivamente con i migliori shampoo ecobio.

Rientrano in questa categoria anche tutti i capelli trattati con tinte chimiche, permanenti, decolorazioni eccetera.

Per quanto riguarda gli emollienti ed i condizionanti, petrolati, paraffine ed oli minerali, vanno evitati perché sono inquinanti per l’ambiente.

Al pari dei siliconi, inoltre, i petrolati in generale, ‘soffocano’ il capello che, nel tempo perde vitalità e lucentezza.

Molti lamentano anche pesantezza e chiome sporche troppo in fretta.

Queste sostanze possono essere sostituite da altri ingredienti meno inquinanti ed ugualmente performanti, come gli oli e burri vegetali.

Ricapitolando, per scegliere lo shampoo migliore per i tuoi capelli, dopo aver stabilito a quale tipologia appartiene, tieni presente queste linee guida:

  • Capelli secchi, delicati, trattati, con tendenza alla caduta: scegli tensioattivi ecobio, con condizionanti naturali, poco o niente sale, molti emollienti vegetali. Meglio evitare di usare il detergente sulle lunghezze, che vanno trattate solo col condizionante (balsamo o maschera specifica).
  • Capelli grassi o misti: un bel mix di tensioattivi, pochi condizionanti e preferibilmente niente oli. Scegliere shampoo che contengono principi attivi purificanti ed astringenti come argilla, aceto, ortica, amamelis, menta, edera. Per quanto riguarda i condizionanti, se i capelli sono corti è meglio evitarli, se sono lunghi, preferire quelli specifici per capelli grassi, con oli e condizionanti leggeri, da usare rigorosamente solo sulle punte.

Shampoo con il miglior inci per tutti i tipi di capelli

  • Miglior shampoo anticaduta

Questo è tra i migliori shampoo anti-caduta del panorama ecobio. Con tanto aloe, tensioattivi delicatissimi e sostanze fortificanti per il capello e stimolanti della sua crescita: aminoacidi come l’arginina, estratti di Ginseng, Luppolo e Peperoncino, Serenoa Repens, pianta utilizzata per contrastare l’alopecia androgenetica, piridossina e zinco, Bardana, Tè Verde e semi di Lino per purificare e lenire il cuoio capelluto. Difficile trovare di meglio.

  • Miglior shampoo antiforfora

Shampoo ayurvedico formulato con ingredienti specifici per contrastare la forfora ed il prurito che ne consegue. Contiene molte erbe che la tradizione indiana utilizza da secoli per la cura dei capelli: Neem (ottimo agente purificante), Amla (fortificante), Hennè e Indigo, nonchè oli essenziali di Tea Tree, Rosmarino ed Eucalipto, antisettici e rinfrescanti. Contiene anche zinco, un oligoelemento molto importante per la salute dei capelli.

  • Miglior shampoo per capelli secchi

Shampoo idratante specifico per capelli secchi, crespi e ribelli, formulato con olio di Dattero, estremamente nutriente ed emolliente, proteine vegetali rinforzanti e protettive, olio di Girasole e diversi condizionanti vegetali, tra cui quelli derivati dall’ottimo burro di Karitè. Uno shampoo estremamente funzionale e dall’ottimo inci name.

  • Miglior shampoo per capelli grassi

Shampoo purificante a base di argilla bianca e verde, ottima per sgrassare e purificare il cuoio capelluto, tensioattivi vegetali delicati, olio di Canapa nutriente e condizionante, oli essenziali con proprietà antisettiche, come l’olio essenziale di Sandalo indiano, Cannella, Tea Tree, Arancio Amaro e Dolce, Sandalo Citrino.

  • Miglior shampoo per capelli colorati

Shampoo ecobio formulato con tensioattivi delicatissimi, aloe vera ed estratti botanici rinforzanti ed emollienti, adatti ad un capello trattato e stressato, come quello sottoposto alla tintura: Borragine, Avena, Arancio Dolce, Miglio, Malva, Limone, Mango e Passiflora. Ottimo prodotto, non necessariamente indicato solo per capelli secchi, ma funzionale su tutti i tipi di capelli colorati.

E’ tutto per il momento.

Avete trovato il miglior shampoo per voi?

Alla prossima!