La migliore crema solare è bio!

Cerchi la crema solare migliore? E’ sicuramente eco bio.

La migliore crema solare che puoi utilizzare garantisce una protezione sicura dalle radiazioni, contiene ingredienti naturali e non inquina l’ambiente.

La caccia alla migliore crema solare non finisce mai, vero? 🙂

Vi capisco, anch’io sono alla costante ricerca di prodotti sempre migliori e più performanti per soddisfare la mia pelle difficile ed esigente…!

Allora oggi vi propongo la recensione del Latte Solare Media Protezione di Fitocose (Spf 16).

Vuoi una bella pelle?

⇒Scopri la guida!

Descrizione del Latte Solare alla Carota di Fitocose

latte solare fitocose flacone

  • Texture: fluida/cremosa
  • Colore: beige chiaro
  • Profumo: carota
  • Packaging: flacone in plastica con tappo a vite
  • Protezione: media (spf 16)
  • Stendibilità: buona

Dati tecnici

  • Nome: Latte Solare alla Carota
  • Impiego: Crema solare protettiva per tutto il corpo
  • Marchio: Fitocose
  • Reperibilità: Rivenditori del marchio, e-shop (Puoi acquistare il latte solare⇒qui)
  • Peso/quantità: 150 ml
  • Pao: 4 mesi
  • Prezzo: 9,80
  • Biologico: Certificato da Icea
  • Vegetariani e Vegani: Vegan Ok

Principi attivi

  • Aloe: idratante, lenitivo
  • Biossido di Titanio: filtro solare
  • Olio di Girasole: levigante, nutriente
  • Glicerina: idratante
  • Estratto di Carota: rassodante, antiossidante
  • Burro di Karitè: emolliente, protettivo
  • Gamma Orizanolo: filtro solare
  • Vitamina E: antiossidante

Ingredienti

  • Aqua
  • Aloe barbadensis gel
  • Titanium dioxide (coated, nano)
  • Helianthus annuus seed oil
  • Glycerin
  • Coco caprylate
  • Squalane(da olio di oliva)
  • Daucus carota extract
  • Butyrospermum parkii butter
  • Cetearyl alcohol
  • C12-20 Alkylglucoside
  • C14-22 Alkylalcohol
  • Kaolin
  • Oryzanol
  • Capryloyl glycine
  • Tocopheryl acetate
  • Xanthan gum
  • Acacia senegal gum
  • Aluminum hydroxyde
  • Stearic acid
  • Citric acid
  • Sodium dehydroacetate
  • Sodium phytate
  • Rosmarinus officinalis extract
  • Brassica napus seed oil
  • Potassium cetyl phosphate
  • Profumo
  • Limonene
  • Geraniol
  • Citronellol
  • Linalool.

EDIT: L’inci è lievemente cambiato, inoltre l’spf adesso è 15.

L’spf 27 adesso è 30.

Commento all’Inci Name

Il Latte Solare di Fitocose appartiene alla linea alla Carota, la linea con filtri in forma nanometrica (qui puoi leggere la differenza con i filtri micro).

Si parla molto dei possibili rischi legati all’uso di questo genere di filtri solari: secondo alcuni studi le loro dimensioni li renderebbero capaci di “penetrare” nell’organismo e depositarsi da qualche parte.

Altri studi, invece, scongiurano questi rischi: la stessa Fitocose ne ha prodotto uno, in base al quale i filtri in forma nano non sarebbero in alcun modo pericolosi per la salute.

C’è da dire, comunque, che Icea li ammette, per il momento, nel suo disciplinare (d’altronde Fitocose è certificata Icea).

Altri Enti certificatori, invece, non ammettono i filtri in forma nano.

Per la legge di precauzione sarebbe meglio evitare questo genere di filtri, almeno fin quando se ne saprà qualcosa in più.

Sicuramente sono da evitare sui bambini (almeno io non li userei).

Personalmente utilizzo i filtri in forma nano sul viso (per una questione pratica ed estetica), mentre sul corpo mi arrangio (benone direi) con quelli “tradizionali”, ovvero in forma micro, un pò più pastosi e bianchicci.

E’ una crema, a mio avviso, molto ben fatta, nonostante la presenza di filtri nano.

Il filtro principale è il biossido di titanio “ricoperto” (coated, come specificato) di alluminio per renderlo più sicuro.

E’ presente anche il filtro UVA-UVB Gamma Orizanolo (deriva dall’olio di Riso).

La formulazione è anche ricca di antiossidanti come l’estratto di carota (tutta la linea è a base di carota), in grado di catturare i radicali liberi e di favorire, oltretutto, l’abbronzatura, e la vitamina E.

I grassi sono l’olio di girasole, il burro di karitè, un derivato dell’olio d’oliva ed altri emollienti leggeri.

Puoi acquistare il latte solare⇒qui

migliore crema solare

Recensione d’uso

Utilizzo questa protezione solare da qualche anno ormai.

Non la utilizzo sul corpo, nè per andare al mare.

La utilizzo su viso, collo e decollete’ in primavera, a partire dal mese di aprile, come “solare da città”.

Avendo una texture abbastanza corposa, la utilizzo come base per il trucco quando le temperature non sono ancora così alte da farmi sudare o lucidare.

Al mare, sul viso, uso invece, la protezione media Oil free, spf 13, priva di oli, decisamente più leggera e mat, (Puoi acquistarla⇒quia partire dal 7-10 giorno di esposizione, quando la pelle non è più completamente indifesa.

Nei primissimi giorni di esposizione utilizzo, invece, la protezione più alta (Spf 27) sempre della stessa linea di Fitocose (Puoi acquistarla⇒qui).

Non utilizzo una protezione altissima (50 o più) semplicemente perchè non mi espongo mai nelle ore di punta: vado al mare al mattino prima delle 12 oppure nel pomeriggio dopo le 16.

In questo modo prendo il sole tranquillamente senza scottarmi, congestionarmi o surriscaldarmi!

Questo latte solare, quindi, è mediamente corposo, non è un prodotto particolarmente leggero, ma abbastanza denso.

L’etichetta è davvero molto “solare”, mi piace tanto 🙂

Il profumo è buono e delicato, sa vagamente di carota.

A suo favore certamente la stendibilità: avendo filtri nano, non crea il classico “pastone” tipico dei filtri in forma micro.

Bisogna massaggiare un po’, ma alla fine si stende bene, non lascia striature bianche, ne’ chiazze.

Il risultato è uniforme e omogeneo: come vedete in foto, la pelle risulta come “levigata”, l’effetto è molto bello, leggermente coprente, ma assolutamente non “mascherone”.

La pelle risulta leggermente schiarita, ma non cadaverica: consiglio l’utilizzo di un fondotinta o di una cipria di mezzo tono più scuro del solito.

Quanto alla sua efficacia come protezione solare direi che è ineccepibile: non mi sono mai scottata o arrossata durante il suo utilizzo.

Inoltre, la sua corposità permette alla pelle di restare sempre ben idratata, anche sotto il solleone.

Come ogni solare, va riapplicato ogni due ore, soprattutto dopo il bagno.

migliore crema solare finish

Consigli per l’utilizzo e la conservazione

  • Se avete la pelle mista/grassa, fate attenzione ad usarlo sul viso, perchè può risultare un pochino pesante e causare lucidità dopo qualche ora. Sul corpo, invece, è ok
  • Se avete la pelle tendenzialmente secca e/o matura potete utilizzarlo tranquillamente anche sul viso, (volendo anche in piena estate), gli farà un gran bene
  • Se non riuscite a finire il flacone nell’arco dei mesi estivi (a me succede spesso) non buttatelo, ma conservatelo ben chiuso al riparo dalla luce ed in un luogo fresco
  • A meno che il prodotto non sia andato a male (abbia, cioè, colore/odore strani, anormali), potrebbe essere riutilizzato nell’estate successiva. A differenza dei filtri chimici, i filtri fisici si conservano meglio (nonostante il Pao).
  • Ovviamente, testatene l’efficacia prima di avventurarvi in gita in barca al sole di mezzogiorno…;-)

Puoi acquistare il latte solare⇒qui

E secondo voi, qual è la migliore crema solare? Ci state pensando già?

Alla prossima, un mega bacio a tutti! 😉

Vuoi una bella pelle?

⇒Scopri la guida!