Biocosmesi…e non solo

7 sostituti bio (e sani) della Nutella!

Nutella è buona, ma puoi scegliere alternative più sane

Nutella è la crema spalmabile più famosa al mondo ed anche la più amata.

Purtroppo non è il massimo dal punto di vista nutrizionale, perchè contiene molti grassi e zuccheri e poche nocciole.

Ma esistono degni sostituti sani e biologici!

Diciamo la verità: Nutella è buona e piace a tutti.

E’ un mito nel mondo, ha un valore storico e quasi affettivo per molti di noi, visto che ha accompagnato le nostre merende davanti alla televisione.

Inoltre è economica ed alla portata di tutte le tasche. nutella

E qui finiscono i pregi di questa celebre crema spalmabile 😀

Ed iniziano i difetti che, dal punto di vista nutrizionale, a mio parere (e non solo) sono parecchi.

Oggi si parla molto di questa ed altre creme alla nocciola o altro genere di frutta o pianta.

Se ne parla soprattutto a causa della presenza del famigerato olio di palma, il cui abuso in questo ed altri prodotti alimentari sta facendo storcere il naso a molti, anche ai meno attenti all’alimentazione.

Molte delle creme spalmabili in commercio sono tutt’altro che prodotti sani.

Contengono una quantità incredibile di grassi saturi idrogenati e non (in primis olio di palma), zucchero raffinato, additivi, coloranti, e ben poco latte, cacao (ed il suo grasso, il burro di cacaoe nocciole.

E’ chiaro che, dal punto di vista nutrizionale, un prodotto così composto non possa essere consigliato.

I grassi saturi e gli zuccheri (ne ho parlato qui) danneggiano i nostri organi, le arterie, predispongono al diabete ed all’ipoglicemia, all’obesità.

Se pensiamo che la maggior parte dei consumatori delle creme di nocciola siano bambini, possiamo intuire quanto sia grave e dilagante il fenomeno della malnutrizione nel benestante Occidente del mondo.nutella

Esistono alternative sane alle creme spalmabili del genere che ho descritto, oppure siamo destinati a mangiare prodotti insani o a dovervi rinunciare del tutto?

La risposta è che esistono sostituti più sani, biologici e meno calorici rispetto alle creme tradizionali.

Prima di indicarli, devo però precisare che la crema spalmabile (che sia dolce o salata) è, già di per sè, un prodotto non propriamente sano.

Per essere spalmabile, di solito, contiene molti grassi, buoni e meno buoni, è dolcificata in qualche modo (e questa non è mai una buona notizia per il pancreas), ed è composta a partire di solito, da frutta secca e/o semi che sono ipercalorici.

La crema spalmabile è, appunto, un “cibo” ipercalorico, da consumare con moderazione e solo occasionalmente.

Che sia tradizionale, alternativa, biologica, non biologica, senza zuccheri o piena di saccarosio, la crema spalmabile non va mangiata abitualmente.

Non la consiglio, sinceramente, a chi ha problemi di salute, soffre di sovrappeso grave, di diabete ed altre problematiche serie.

Consiglio, eventualmente, di consumarla al mattino, magari sul pane integrale.

Un paio di cucchiaini sono sufficienti per soddisfare il palato e non provocare danni.

Di solito in inverno sentiamo il bisogno di mangiare prodotti più dolci, cremosi e grassi, che difendano dal freddo.

In estate sono sconsigliati.

Innanzitutto, se amate il fai da te, potete creare da soli la vostra “Nutella”!

Nocciole biologiche tritate finemente, olio extravergine d’oliva e un dolcificante diverso dallo zucchero e… voilà la nutella biologica è pronta! 😉

Se, invece, non avete tempo e/o voglia, il mercato alternativo offre una vasta scelta di buoni prodotti.

Le creme spalmabili che sto per elencare sono fatte con ingredienti biologici, non contengono grassi saturi, nè zucchero raffinato.

Sono tutte senza olio di palma.

La minor presenza di grassi le rende, ovviamente, un pò meno spalmabili rispetto alle altre (ma a voi piace sentire l’olio in bocca quando mangiate la Nutella??..).

Per questi motivi sono un pò più care della media dei prodotti che troviamo nella grande distribuzione.

Questo può essere, per certi versi, un punto a sfavore, ma può anche rappresentare un incentivo a consumarne meno.

A voi la scelta! 😉

1)Crema di nocciole (qui): la celebre crema di Rapunzel è cara, ma ottima dal punto di vista nutrizionale. E’ fatta praticamente solo con nocciole biologiche senza altra aggiunta di grassi e, pur essendo calorica, contiene buone quantità di proteine, calcio, magnesio e vitamina E. Ha una quantità di zuccheri davvero minimo. Ottime di Rapunzel anche altre creme spalmabili a base di frutta oleosa (mandorle, anacardi, arachidi eccetera).

2)Crema 100% nocciole (qui): un altro prodotto top è la crema 100% nocciole di Probios. Fatta esclusivamente con nocciole del Lazio, non contiene zuccheri aggiunti, nè glutine. E’ la crema di nocciole per antonomasia!

3)Crema da spalmare alle nocciole (qui): Golamera ha creato un prodotto particolare a base di nocciole del Piemonte, cacao magro, bacche di vaniglia e dolcificato con zucchero integrale di cocco, la nuova frontiera dei dolcificanti totalmente naturali. Da provare!

4)Crema di nocciole con miele e cacao (qui): un altro ottimo prodotto lo ha creato Kontak, un’azienda da sostenere, in quanto in contatto con organizzazioni di commercio equo e solidale della Bolivia. Le nocciole sono piemontesi e la crema è dolcificata con miele. Contiene olio di girasole per rendere la crema più spalmabile.

5)Crema spalmabile nocciola e cacao con stevia (qui): un altro prodotto studiato con cura e di Stevia’s BelmondoSenza zucchero, glutine, lattosio, dolcificata con stevia, questa crema è un ottimo compromesso tra gusto e qualità. E’ resa spalmabile dalla presenza di olio di girasole e di oliva.

6) Malto Nocciola (qui): una crema più economica ma sempre sana è offerta da La Finestra sul Cielo. Dolcificata con malto di mais, contiene ben il 35% di nocciole. L’ho provata, è buona e molto ben spalmabile.

7) Nocciolata di Rigoni di Asiago: in ultimo vi segnalo una crema di nocciole biologica facilmente reperibile al super, quella di Rigoni di Asiago. Contiene una buona quantità di nocciole, cacao, burro di cacao. E’ dolcificata con zucchero di canna ed è resa spalmabile dall’olio di girasole. Provata anche questa, buona.

A voi piace la nutella??

Alla prossima! 😉

2 pensieri su “7 sostituti bio (e sani) della Nutella!

  1. Sunrice

    Buongiorno bellezza,
    questo post ci tocca tutti nel profondo:-))))
    Conoscevo un solo umano di sesso maschile che non sopportava la Nutella e veniva additato come un alieno!Per il resto,credo che abbia fatto parte della vita e delle abitudini di tutti,nel mio grado di golosità si è sempre collocata al primo posto a pari merito con poche altre amenità:-)))
    Da tanti anni,però,ne ho limitato il consumo riducendolo ad un paio di volte l’anno,poichè non la trovo più particolarmente facile da digerire e,quando la Nutella è entrata nell’occhio del ciclone per i suoi ingredienti e finalmente si è iniziato ad esaminarla per quello che realmente è,ci penso su ancora di più prima di concedermela…In ogni caso non la compro mai per casa,al massimo mi concedo una/due crepe l’anno quando sono fuori e qualcuno la propone.
    E’ un bene che finalmente si parli della composizione di questo prodotto,proprio perchè consumato in gran parte dai bimbi e,io ne so qualcosa,diventa proprio come una specie di droga….crea dipendenza e lo vedo sui miei nipoti!
    Dei sostituti che tu elenchi,ovviamente,non ne conosco nemmeno uno,ma alcuni mi tentano moltissimo,per cui adesso so che non devo necessariamente privarmi fino all’osso,ma esistono le forme consolatorie!…..Grazie quindi per questa dolce conclusione,ho intravisto mi pare quella di Rigoni di Asiago e credo che la proverò non appena mi verrà un attacco di nostalgia dell’infanzia!:-)))

    Bacetti spalmabili,alla prossima:-***

  2. pauline Autore dell'articolo

    Ahahaah ciao bella, è sempre piacevole leggerti! 😀

    A chi lo dici, da adolescente sono stata una consumatrice seriale di nutella, non c’era pomeriggio davanti alla tv in cui mancasse una bella fetta di pane spalmata..:-D

    L’ho mangiata fino a qualche anno fa, ma con meno trasporto rispetto a prima..infatti l’estasi iniziale era sempre incrinata da una sensazione di acidità ed un gusto amaro in bocca (stranamente).
    Inoltre negli ultimi tempi, grazie ai miei gusti più “raffinati”, la trovavo realmente troppo oliosa, a volte mi disgustava proprio.
    Ah i bei tempi ‘gnoranti dell’infanzia..non torneranno mai più!!!

    La Rigoni di Asiago è buonissima, provala è facilmente reperibile, unica pecca, la grande quantità di zucchero (seppur di canna), però ogni tanto si può fare.
    La migliore però secondo me, oltre alla Rapunzel (mitica) però cara, è quella di La Finestra sul Cielo 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *