Biocosmesi…e non solo

Pelle impura: Fitocose – Brufocrema (review)

Pelle impura: recensione della Brufocrema

Pelle impura? La mitica Brufocrema di Fitocose non può mancare nel tuo beauty case!
rp_brufocrema-1024x682.jpg

Vuoi avere una bella pelle?

⇒Scopri la guida!

E’ un cosmetico cui sono molto affezionata perché ha fatto davvero tanto per la mia pelle impura. Il suo nome sembra uno scherzo, ma amo Fitocose anche per questo, per la sua genuinità.

Scoprila⇒ qui 

Fitocose è una piccola azienda di Cusago, in provincia di Milano. E’ estremamente rigorosa e disciplinata nella produzione dei cosmetici, tutti altamente certificati.

Anni fa, quando la conobbi e provai i suoi prodotti (furono i primi prodotti bio della mia vita) era davvero piccola e poco conosciuta. Aveva una gamma limitata di cosmetici, ma di alta qualità. 

La sua filosofia del “poco e buono” è rimasta coerentemente immutata nel tempo: la gamma di prodotti è aumentata, ma la qualità è rimasta la stessa, anzi probabilmente è cresciuta.

Ma Fitocose è voluta restare una piccola realtà per una clientela selezionata. E questo me la fa amare ancora di più.

Fitocose per me è una garanzia. Per quanto riguarda la qualità dei suoi prodotti, si può stare tranquilli.

Altro discorso è la recensione d’uso dei singoli cosmetici. Qui entriamo nel campo delle specifiche esigenze personali e, perché no, del gusto. 

Torniamo alla recensione.

Brufocrema è una crema ai beta-idrossiacidi studiata per la pelle impura. Cosa sono i beta-idrossiacidi?

Senza aprire un altro capitolo che mi porterebbe lungo sentieri impervi e sconosciuti, dico soltanto che i beta-idrossiacidi, insieme agli alfa-idrossiacidi, sono ‘acidi organici’.

La loro funzione è quella di esfoliare la pelle, (cioè rimuovere le cellule morte dell’epidermide) in modo più o meno potente a seconda delle concentrazioni usate.

Scoprila⇒ qui 

Brufocrema contiene acido salicilico (che è, appunto, un beta idrossiacido) ricavato dal salice. Le sue funzioni principali sono: esfoliare la pelle in modo superficiale (una ‘grattatina’, diciamo) e ‘sfiammarla’ se sono presenti impurità. Per questo è indicata per chi ha una pelle grassa o mista, con tendenza ai brufoli e punti neri. E’ una crema di colore bianco e praticamente inodore.

Ecco l’inci name: Aqua – Aloe barbadensis gel- Squalane(da olio di oliva) – Cetearyl alcohol – Cetearyl glucoside – Coco caprylate – Salicylic acid – Glycyrrhetinic acid (dalla radice di liquirizia) – Potassium cetyl phosphate – Xanthan gum – Acacia senegal gum – Sodium Phytate – Rosmarinus officinalis extract – Brassica napus seed oil – Potassium sorbate – Zinc gluconate.

Oltre all’acido salicilico, la crema contiene estratto di corteccia di salice, acido glicirretico (dalla radice di liquirizia, altro acido organico, lenitivo ed antinfiammatorio) e aloe vera.

Il prodotto contiene quasi oltre il 99% di ingredienti naturali e di origine naturale, il 40% di ingredienti da coltivazione biologica ed è certificato da ICEA.

⇒LETTURA CONSIGLIATA: Sette riti di bellezza giapponese (compra qui)

Questo è uno dei cosmetici più efficaci che abbia mai usato per trattare la mia pelle mista ed impura ed al tempo stesso delicata.

Non nascondo l’entusiasmo perché i suoi effetti sono immediati (brufoli sfiammati subito, pelle pulita) ma durevoli nel lungo termine: da quando lo utilizzo (sono anni ormai) la mia pelle è molto più uniforme e meno problematica. Con questo bel prodottino riesco a tenere sotto controllo soprattutto le eventuali impurità (ho perso la mia reputazione per sempre, ne sono consapevole).

E’ poi anche delicata: la mia pelle è sensibilissima e tendente agli arrossamenti, eppure questa crema, nonostante il lieve bruciore che si percepisce durante l’applicazione, non ha peggiorato il problema. Bisogna usarne in piccole quantità, preferibilmente solo sulle imperfezioni.

Unico neo: non è leggerissima, nel senso che se hai problemi di lucidità tende ad accentuarla.

D’altronde è pur sempre una crema, non si può pretendere che sia completamente asciutta. Il consiglio è di usarla di sera, non al mattino. Anni fa la formulavano con uno zic di burro di karitè. Ora lo hanno sostituito con un olietto molto leggero e va meglio. 

Il fatto di inserire lipidi in una crema per pelle impura è un controsenso solo in apparenza. L’azione dell’acido esfoliante comporta un disseccamento della cute (con formazione di pellicine) che il burro o l’olio vanno a riparare. Infatti Brufocrema non secca affatto la pelle, anzi.

Io ne uso pochissima al bisogno, perché in generale non amo molto le creme per il viso, le sento sempre pesanti. Il PAO è di sei mesi, come tutti i prodotti Fitocose. Il vasetto è di 30 ml (a me dura una vita) e costa circa 11 euro.

Scoprila⇒ qui 
crema per brufoli

E’ comunque un prodotto molto economico se confrontato alla media dei prezzi dei cosmetici biologici.

Vuoi avere una bella pelle?

⇒Scopri la guida!

Per me è semplicemente irrinunciabile, per cui il mio voto è: 9.

Voi cosa fate per la pelle impura?

Se hai domande o curiosità su questa crema, lascia pure un commento nell’apposita sezione, grazie! 🙂

Alla prossima!

Se hai la pelle grassa, clicca qui

Se hai la pelle mista clicca qui

Se hai la pelle lucida clicca qui


5 pensieri su “Pelle impura: Fitocose – Brufocrema (review)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *