Biocosmesi…e non solo

Rimedi naturali per la forfora: scopri quelli che funzionano!

I migliori rimedi naturali per la forfora!

I rimedi naturali per la forfora sono, come sempre, i migliori perchè vanno alla radice del problema!

La forfora è un problema fastidiosissimo, antiestetico e molto frequente, sia nei capelli grassi che in quelli secchi.

Forfora, che strazio!

Se cerchi i rimedi naturali per la forfora, capiti nel posto giusto! 🙂

Alzi la mano chi non ha mai sofferto di forfora…..!

In alcuni periodi credo sia capitato a tutti, purtroppo. O no?

E’ un problema davvero fastidioso ed antiestetico, rognosetto da risolvere, perchè le cause sono molteplici e non legate esclusivamente al cuoio capelluto.

La forfora non è altro che pelle morta, ovvero cellule morte della pelle che si staccano dal cuoio capelluto per cedere il posto a cellule nuove.

In quest’ottica, quindi, una lieve desquamazione è assolutamente normale e fisiologica.

Se, invece, il ricambio di cellule del cuoio capelluto è eccessivamente veloce, allora si parla di “patologia” (è un termine esagerato, comunque) e quindi di forfora.

Vediamo di risolvere ed eliminare per sempre questo “grattacapo”! 😉

⇒Scopri le cause psicosomatiche della forfora (qui)rimedi naturali forfora

Vuoi avere una bella pelle?

⇒Scopri la guida!

Forfora grassa, forfora secca, dermatite seborroica

Vanno distinti almeno due diversi tipi di forfora: quella grassa e quella secca.

La prima, decisamente più diffusa, è legata a doppio filo con il problema dei capelli grassi e va, quindi, curata nell’ambito di un programma di risoluzione della seborrea.

La forfora grassa si presenta sotto forma di scagliette bianche untuose e con cattivo odore.

La forfora secca potrebbe, invece, dipendere da una irritazione del cuoio capelluto, dovuta, probabilmente, ad una pelle secca e delicata, che tende a “sfaldarsi”.

In questo caso le simpatiche scagliette bianche sono più secche e ben visibili rispetto a quelle della forfora grassa.

C’è poi il caso della dermatite seborroica (che non riguarda solo i capelli, ma la pelle in generale).

In questo caso, si avverte prurito in testa e la pelle del cuoio capelluto si presenta con forfora, desquamazione e chiazze arrossate.

La dermatite seborroica (che è di pertinenza del dermatologo) è caratterizzata da problematiche diverse ed apparentemente contrapposte, sia di sebo in eccesso che di disidratazione generalizzata.

Tra le cause, certamente una irregolarità nella produzione di sebo, dovuta probabilmente a problemi organici (a carico del fegato e dell’intestino).

A livello naturopatico, si consiglia, quindi, una depurazione del fegato, correggendo l’alimentazione (evitando grassi, amidi e zuccheri raffinati, ma anche un eccesso di formaggi e latticini) ed aiutandosi con integratori naturali.

Da evitare rigorosamente detergenti con tensioattivi aggressivi come Sls e Sles.rimedi naturali forfora

Forfora grassa

Questo è il classico caso in cui la forfora è la conseguenza di uno squilibrio ormonale, ma anche di un cattivo stile di vita, sopratutto alimentare.

E’ attraverso la forfora, infatti, che l’organismo tenta di sbarazzarsi delle tossine, in quanto il cuoio capelluto è, come del resto la pelle, un organo emuntore a tutti gli effetti.

Bisogna, dunque, intervenire innanzitutto con una depurazione a base di frutta, verdura e acqua.

Utili sono gli integratori a base di vitamina B8 e probiotici.

La vitamina B8 (biotina) serve a tenere sotto controllo la desquamazione, ma anche problemi più complessi come la dermatite seborroica. Ottima pure per la fragilità delle unghie.

In questo articolo ho parlato delle vitamine del gruppo B, che vanno sempre integrate insieme, mai singolarmente.

Esistono anche cosmetici a base di biotina, come il gel di Hubner (⇒qui).

La biotina aumenta la presenza di cheratina, la principale componente di capelli e unghie e quindi li rinforza, regolando al tempo stesso la produzione di sebo.

Forfora secca

La forfora secca ha, sostanzialmente, le stesse cause di quella grassa (alimentari, ormonali), ma è accompagnata da disidratazione del cuoio capelluto (anche la pelle, di solito, risulta secca e sensibile).

Va, quindi, in questo caso risolto primariamente il problema della pelle secca.

In questa circostanza è di fondamentale importanza utilizzare detergenti estremamente delicati e con funzione idratante e lenitiva.

Per entrambi i tipi di forfora, i principi attivi utilizzati anche in cosmesi eco bio sono l’acido salicilico, zinco piritione, disolfuro di selenio, piroctone olamine.rimedi naturali forfora

Cosmetici utili

1)Weleda- Shampoo equilibrante Germe di Grano: una formulazione abbastanza equilibrata e delicata, adatta sia a forfora secca che grassa. Tensioattivi medio-delicati, olio di germe di grano ed estratti di rusco, viola del pensiero e salvia bio sono le componenti di questo shampoo. Scopri tutti i prodotti di Weleda in promozione! (qui)

Scopri di più⇒qui

Prodotto TOP2)Fitocose – Detergente per viso e capelli alla Malva: detergente specifico per dermatite seborroica, associate a desquamazione, prurito e forfora. A base di mucillagini di Malva, succo d’aloe e olio essenziale di Menta, va usato come un normale detergente e shampoo. Per forfora grassa. Segnalo anche l’Olio detergente alla Ratania per forfora secca! (⇒qui).

Scopri di più⇒qui

3)Neobio – Shampoo antiforfora al Ginepro e Rosmarino: prodotto low cost, ma ben fatto come tutti quelli di Neobio. Ha tensioattivi delicati associati ad una bella “squadra” di sostanze adeguate per contrastare la forfora grassa, come l’olio di ginepro biologico, germogli, betulla, ortica e rosmarino. Vale una prova.

Scopri di più⇒ qui

4)Green-Natural – Shampoo per Capelli Grassi e con Forfora: spartano, il migliore per il rapporto quantità/prezzo, contiene piroctone olamine, salvia e ortica. I tensioattivi sono medio-delicati.

Scopri di più⇒qui

5)Khadì – Balsamo Olio Anti-forfora Ayurvedico: questo mix di oli funzionali anti-forfora è indicato per capelli con cuoio capelluto desquamato, secco e pruriginoso. A base di olio di Limone, Sesamo, Senape, Canfora, Tea Tree Oil e Neem.

Scopri di più⇒qui

LETTURA CONSIGLIATA: Capelli Sani (qui)

LETTURA CONSIGLIATA: Sette riti di bellezza giapponese (qui)

Rimedi fai da te

Tra i rimedi fai da te più efficaci ci sono i lavaggi con acqua e cavolo bollito, acqua e ortica e acqua e bardana.

Utilizzare l’acqua ottenuta dal decotto con queste piante ed utilizzare per l’ultimo risciacquo dello shampoo, effettuando una leggera frizione.

Per la forfora grassa ottimi sono gli impacchi (ma anche i risciacqui) con acqua e argilla verde e acqua e limone.

Il tea tree oil è un ottimo rimedio, invece, per entrambi i tipi di forfora: si può aggiungere qualche goccia allo shampoo o agli impacchi. Non utilizzare puro.

Altri oli essenziali adatti a curare la forfora sono quelli di lavanda, alloro e mandarino.

Gli oli vegetali più indicati in caso di forfora sono l’olio di cocco, enotera, semi di lino.

Le piantine anti-forfora sono salvia, ortica, cisto, betulla e rosmarino.

Molto interessante l’estratto glicerico di Ortica (⇒qui) sopratutto per la forfora grassa.

Si può usare sia puro con un massaggio, che addizionato allo shampoo.

Regole per prevenire e curare la forfora

1)Seguire una dieta sana, con pochi grassi e ricca di frutta e verdura fresche;

2)Seguire una dieta (o una integrazione) di antiossidanti, come la vitamina C e la vitamina E;

3)Evitare l’uso di tensioattivi aggressivi;

4)Evitare l’abuso di gel, schiume e lacche per capelli;

5)Usare il phon con moderazione, evitando temperature troppo calde;

6)Lavare i capelli con acqua tiepida e ogni volta che sono sporchi (se si suda molto in testa anche tutti i giorni).

7)In caso di forfora secca, assumere acidi grassi polinsaturi.rimedi naturali forfora

N.B. Le informazioni contenute in questo articolo non intendono sostituire i consigli del medico, al quale spetta ogni diagnosi, prescrizione ed indicazione terapeutica.

Vuoi avere una bella pelle?

⇒Scopri la guida!

Soffrite o avete sofferto di forfora? Avete provato i rimedi naturali?

Grazie, alla prossima! :-*

4 pensieri su “Rimedi naturali per la forfora: scopri quelli che funzionano!

  1. Sunrice

    Dermatite seborroica? Presente!!

    Buonasera Pau,
    ad avere saputo queste cose durante l’adolescenza, mi sarei evitata tante tante insicurezze!Quello, infatti, di solito è il periodo dove di solito tutti iniziamo ad avere qualche simpatica manifestazione del genere (…in compenso l’acne mi è stata risparmiata, tiè….).
    Poi , data la caratteristica di pelle e cuoio capelluto sensibilissimo e capello grasso al contempo, in età adulta la dermatite seborroica ha fatto irruzione sulla mia persona, anche in viso ed i rimedi “canonici” a base di cortisone, i comuni detergenti aggressivi e altre amenità non facevano che peggiorare la situazione.
    Ormai, per fortuna, si tratta di casi sporadici legati a determinati periodi particolari di cure mediche o stress o squilibri vari, normalmente questo calvario su di me si è concluso o comunque attenuato con il passaggio all’ecobio.
    Sui capelli, poi, come sai, ho avuto i migliori risultati….il mio prodotto miracoloso? Lo shampoo extravergine de La Saponaria, non sai quanto mi ha aiutata quando la mia cute non sopportava più nulla! E’ per questo che ancora oggi lo consiglio sempre a chi ha questi problemi o a chi passa all’ecobio…Ha eliminato la forfora,gli arrossamenti, ripristinato una situazione di normalità…Il mio primo shampoo ecobio in assoluto, a cui sono grata e voglio molto bene!:-)
    Recentemente, poi, da quando cerco di attenzionare pure l’alimentazione, pure la parrucchiera si è dovuta arrendere all’evidenza e mi ha fatto i complimenti!
    Questo articolo sono certa che sarà un’utile guida a chi non sa dove sbattere la testa (per restare in tema….), so che se queste cose le avessi conosciute tempo fa, molti errori li avrei evitati e tu hai trattato il tema con la competenza e la chiarezza di sempre….Grazie!
    Buon week end a te:-**

  2. pauline Autore dell'articolo

    Eccomi cara! 🙂

    Mi dispiace che tu abbia sofferto in adolescenza per questi motivi…posso immaginare il senso di vergogna ed inadeguatezza 🙁
    Ti capisco perchè anch’io da ragazzina ho avuto qualche problemino di pelle, come ho avuto modo di accennare: nulla di grave, però la couperose e la pelle mista e sensibile mi facevano sentire molto insicura.
    Inoltre, proprio come te, non sapevo come affrontare il problema, nè avevo idea di cosa si trattasse precisamente, usavo il sapone allo zolfo per i brufoli (ehm..) e la pelle era sempre più secca ed arrossata…!
    In seguito mi rivolsi ad un dermatologo ma la situazione migliorò solo in parte.
    Presi definitivamente il controllo della mia pelle solo dopo essermi seriamente attivata per capire quale fosse il problema (in tutte le sue sfaccettature…) e per studiarlo a fondo.

    Per tutte le cose funziona così: bisogna prendere in mano la situazione in prima persona ed in modo deciso (almeno fin dove è possibile…) altrimenti non si risolverà mai del tutto.

    Anche la mia situazione è nettamente migliorata con il passaggio all’eco bio e continua a progredire in meglio man mano che acquisisco informazioni e consapevolezza 🙂

    Ovviamente a 15 anni è improbabile che ciò accada, perciò ognuno si mantiene i suoi problemi e soffre in silenzio….:-D

    Dello shampoo che hai citato ho provato un campioncino tempo fa, quindi non ne ho un’opinione precisa, però ricordo che rimasi favorevolmente colpita…è il più delicato della linea e, visto che ne hai parlato così bene, ci faccio un pensierino, perchè la forfora secca fa capolino ogni tanto anche su di me(poca roba, solo in alcuni periodi dell’anno).

    Ti ringrazio per i complimenti e l’apprezzamento, spero che l’articolo possa essere di concreto aiuto a chi non sa che pesci prendere..
    Lo dedico in particolare a tutti gli adolescenti che soffrono in silenzio 😀

    Un bacione adolescenziale!!! :-**

  3. Sunrice

    Ahahahah, scorrevo le tue news su Facebook e mi accorgo quasi per caso!!….grazie del saluto “personalizzato”, quella crema di girasole deve essere golosissima!!:-)))

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *