Sindrome premestruale: grazie ai rimedi naturali non è più un destino inevitabile!

La sindrome premestruale risponde molto bene ai rimedi naturali.

Alimentazione, fitoterapia, oligoelementi, gemmoderivati e rilassamento: tutte le strategie per tornare in forma!

La sindrome premestruale è un insieme di disturbi che ricorrono nella seconda parte del ciclo ovarico.

I disagi che la sindrome comporta possono essere molto fastidiosi per le donne che ne soffrono (il 30/40%) ed in qualche caso possono risultare invalidanti.

La bella notizia è che oggi si sa molto di più su questo disturbo ed i rimedi ed i trattamenti naturali sono numerosi e tutti efficaci per gestirlo al meglio.

Vuoi avere una bella pelle?

⇒Scopri la guida!

sindrome premestruale rimedi naturali

Sindrome premestruale: i sintomi più frequenti

I sintomi della sindrome premestruale più diffusi sono:

1)Gonfiore generalizzato, con lievi variazioni del peso corporeo;

2)Cefalea;

3)Tensione mammaria;

4)Aumento della fame e soprattutto di cibi dolci;

5)Stanchezza, irritabilità e depressione;

6)Acne.

A volte questi sintomi si protraggono per tutta la durata delle mestruazioni e spesso sono accompagnati da dolori al basso ventre.sindrome premestruale rimedi naturali

Sindrome premestruale: le cause 

Le cause organiche principali sono certamente collegate al quadro ormonale.

E’ stato riscontrato, infatti, che nelle donne che soffrono della sindrome premestruale il rapporto tra estrogeni/progesterone aumenta.

Ovvero il livello di estrogeni aumenta, mentre diminuisce quello di progesterone.

Nello specifico:

1)I disturbi emotivi (ansia, irritabilità, instabilità emotiva) derivano da un eccesso di estrogeni ed un difetto di progesterone durante la fase premestruale;

2)La depressione è collegata a bassi livelli di neurotrasmettitori (soprattutto serotonina) causati, al contrario, da un difetto di estrogeni ed un aumento di progesterone (quest’ultimo fenomeno è spesso dovuto allo stress con cui è vissuta questa fase);

3)Il gonfiore, l’aumento di peso, la tensione mammaria sono causati da un aumento di liquido (ritenzione idrica) causato da un eccesso di aldosterone.

Questo ormone può aumentare per stress, eccesso di estrogeni, carenza di magnesio, eccesso di sale.

Alcuni studi, inoltre, hanno dimostrato una relazione tra deficit di vitamina B6 e sindrome premestruale.

Ricapitolando, le principali cause di SPM sono:

1)eccesso di estrogeni;

2)difetto di progesterone;

3)elevati livelli di prolattina (ormone secreto dall’ipofisi);

4)ipotiroidismo (quando la tiroide funziona poco);

5)stress e carenza di endorfine (sostanze prodotte dal cervello, con funzione analgesica);

6)depressione;

7)carenze nutrizionali.sindrome premestruale rimedi naturali

Sindrome premestruale: i rimedi naturali

Tra i rimedi naturali per la sindrome premestruale, un ruolo chiave è svolto dallo stile alimentare.

E’ stato riscontrato che chi soffre di questo disturbo consuma carboidrati raffinati in eccesso, zucchero raffinato, troppi latticini e troppo sale, poco ferro, magnesio, manganese e zinco.

Ne conseguono questi consigli alimentari:

1)ridurre i grassi saturi provenienti dai prodotti animali (l’unica proteina animale consigliata in questa fase del ciclo è il pesce);

2)aumentare i cereali integrali, legumi (soprattutto soia), verdura e frutta;

3)se i sintomi consistono soprattutto in ansia e depressione, è bene evitare la caffeina;

4)consumare frutta secca (soprattutto mandorle, nocciole) e semi oleosi, (girasole, sesamo) ricchi di minerali importanti, come magnesio e zinco;

5)Molto utili anche le spezie come zenzero (diuretico e anti-nausea), salvia, cannella e curcuma.

Inoltre, si può integrare la dieta con olio di germe di grano, ricco di vitamina E.

Attenzione agli estrogeni esogeni, ovvero tutte quelle sostanze che mimano gli estrogeni nell’organismo!

Sono contenuti sia negli alimenti (pesticidi come DDT, PCB, DDE, PCB)  che nei cosmetici (interferenti endocrini come i parabeni, ftalati, BHT e BHA).

Sono sostanze che si accumulano nel tessuto adiposo e sono difficili da eliminare.

Oltre alla PMS, sembrano essere collegati anche al cancro mammario.

Per questo, è bene preferire alimenti e cosmetici naturali e biologici.sindrome premestruale rimedi naturali

Sindrome premestruale: Oligoterapia e Fitoterapia

Un valido aiuto per la sindrome premestruale deriva dall’uso di oligoelementi e preparati fitoterapici.

Molto dipende dal tipo di sintomi e dalla costituzione personale, tuttavia gli oligoelementi più benefici per la sindrome premestruale sono:

1)Manganese-Cobalto (scopri⇒qui): per ansia, dolori, problemi circolatori, stanchezza;

2)Manganese (scopri⇒qui): per i sintomi più acuti, nervosismo, cefalea forte, ansia, vomito;

3)Manganese-Rame (scopri⇒ qui): per affaticabilità, pesantezza, malinconia e ricorrenti episodi infettivi;

4)Zinco-Rame (scopri⇒qui)agisce soprattutto a livello ormonale ed in caso di forti sintomi di tipo emotivo;

5)Rame-Oro-Argento (scopri⇒qui): per squilibrio ormonale e stanchezza particolarmente significativi.

6)Magnesio, meglio se associato alla vitamina B6 (scopri⇒qui): indicato soprattutto per il rilassamento muscolare.

I rimedi fitoterapici per la sindrome premestruale sono principalmente in forma di gemmoderivati (macerati glicerici):

1)Fico (scopri⇒qui): antispasmodico, sedativo e riequilibrante del sistema neurovegetativo;

2)Lampone (scopri⇒ qui): regolarizza tutti gli squilibri della sfera genitale, interviene sull’ipofisi e sul sistema ormonale;

3)Agnocasto (scopri⇒ qui): in caso di astenia, indebolimento della memoria, depressione, angoscia e paure, calo della libido e quando aumenta il livello di prolattina.

4)Tiglio (scopri⇒ qui): agisce soprattutto in caso di ansia ed insonnia.

Molto utile anche l’ Enotera, da assumere in olio in capsule (⇒qui).sindrome premestruale rimedi naturali

Sindrome premestruale: motivazioni psicologiche

E’ ormai opinione comune tra gli esperti che alla base della sindrome premestruale vi sia un conflitto psichico irrisolto che si esprime attraverso una difficoltà ad accettare e a vivere il ruolo femminile.

Le donne che soffrono di questo disturbo non hanno ben accettato il modello di riferimento femminile (la madre) e sperimentano contemporaneamente sensi di colpa collegati a questo rifiuto.

In molti casi, queste donne hanno composto l’equazione: essere donna=sofferenza ed hanno bisogno di riconciliarsi con la propria femminilità.

Quando i sintomi compaiono nelle donne che hanno un partner, spesso sono collegati allo scarso sostegno e comprensione percepiti da parte del compagno.

Ad un certo punto del ciclo, la donna è più sensibile ed ha bisogno di maggiore attenzione e  comprensione: se non le riceve, può diventare irritabile ed emotiva.

A questo proposito, consiglio la lettura di questo testo davvero illuminante (qui).

N.B. Le informazioni riportate in questo articolo non intendono sostituire i consigli del medico, al quale spetta ogni diagnosi, prescrizione  ed indicazione terapeutica.

Vuoi avere una bella pelle?

⇒Scopri la guida!

Avete mai sofferto di sindrome premestruale? I rimedi naturali vi hanno aiutato?

Grazie per l’attenzione, alla prossima!