Balsamo buon inci: una lista dei prodotti più districanti con attivi naturali, senza siliconi e petrolati, reperibili online o al supermercato!

Approfondiremo anche la conoscenza delle più comuni sostanze utilizzate nei balsami per capelli.

Cos’è il balsamo

Il balsamo è un condizionante per capelli comunemente utilizzato dopo lo shampoo.

In cosmesi viene definito “cationico”, perchè è formulato con tensioattivi cationici, appunto.

I tensioattivi cationici non hanno un’azione lavante sul capello, bensì antistatica (cioè eliminano la carica elettrostatica) e condizionante.

Il balsamo, dunque, applicato dopo lo shampoo e poi, a sua volta, risciacquato, rende i capelli lucenti e pettinabili.

Esistono anche balsami senza risciacquo, definiti anche “leave in”, molto pratici e facilissimi da utilizzare.

Cosa c’è nei balsami “tradizionali”?

I balsami della cosmesi convenzionale, come d’altronde le maschere ristrutturanti per capelli, sono formulati con ingredienti dannosi per l’ambiente e potenzialmente anche per l’uomo.

Si tratta prevalentemente dei Sali d’ammonio quaternari, ovvero:

  • Behentrimonium chloride
  • Cetrimonium chloride
  • Distearyldimonium Chloride.

Questi ingredienti sono tossici per l’ambiente acquatico e per nulla biodegradabili. Vanno evitati anche perchè sono potenzialmente irritanti per pelle ed occhi.

Altri ingredienti tipici dei balsami “convenzionali”:

  • Siliconi: “filmano” il capello esattamente come fanno con la pelle
  • Quaternium o Poliquaternium: ingredienti antistatici e filmanti, con effetto molto simile ai siliconi
  • Petrolati: distillati del petrolio, filmano il capello senza apportare sostanze “nutritive”.

Gli ingredienti dei balsami ecobio

I balsami ecobio, invece, sono formulati con gli esterquat.

In inci si trova, ad esempio:

  • Dicocoilethyl hydroxyethylmonium methosulfate
  • Distearoylethyl Hydroxyethylmonium Methosulfate.

Non è che siano totalmente innocui, ma sicuramente fanno meno danni dei Sali d’ammonio.

Da preferire, comunque, gli oli e i burri vegetali per l’effetto condizionante e curativo per i capelli .

Balsami per capelli con buon inci

  • Balsamo Lino e Aloe Tea Natura

Balsamo nutriente ma non pesante, con olio di semi di Lino, olio d’Oliva, olio di Mandorle dolci, aloe, oli essenziali. Contiene anche estratto di Tiglio, dalle proprietà emollienti. Prodotto naturale e genuino, per capelli secchi e sfibrati.

Balsamo Ammorbidente - Lino e Aloe
Balsamo Ammorbidente – Lino e Aloe
Tea Natura
  •  Balsamo Karitè e Tea Tree Green Natural

Balsamo semplice ed al tempo stesso particolare, a base di burro di karitè, pantenolo, fitocheratina e tea tree oil. Si può usare anche sulla cute, grazie alla presenza del Tea tree oil purificante. Formula rinforzante per capelli deboli e sottili.

Balsamo per Capelli al Burro di Karitè e Tea Tree
Balsamo Burro di Karitè e Tea Tree
Green Natural
  •  Balsamo Camomilla Beltàbios

La formula è semplice ma ricca di attivi funzionali, come Bisabololo, olio di semi di Lino, olio di Girasole, tocoferolo (vitamina E). L’estratto di Camomilla rende i capelli morbidi e luminosi e può donare qualche riflesso dorato. Adatto anche ai bambini.

Balsamo Capelli Camomilla
Balsamo Capelli Camomilla
Beltàbios
  •  Balsamo Castagna Officina Naturae

Formula carina ed originale, arricchita con AQ SAVE®, fitocomplesso proveniente da castagna biologica italiana. L’estratto di Equiseto rafforza i capelli e l’olio di Argan lo nutre e lo rende lucido. Bello, non per nulla è firmato da Officina Naturae!

Balsamo Capelli Stressati con Castagna Bio
Balsamo con Castagna Bio
Officina Naturae
  • Balsamo Mandorle Fitocose

Uscito piuttosto recente, questo balsamo è tutto declinato alla mandorla.  Con olio ed estratto di mandorle dolci, districante ed elasticizzante, acqua distillata di Rosa e lecitina ammorbidente e condizionante. Un inno alla naturalezza!

Manday Manday - Balsamo per Capelli alle Mandorle
Manday Manday – Balsamo Mandorle
Fitocose

Ingredienti controversi del balsamo

Esistono ingredienti che possiamo definire “così così”, come, ad esempio, il famoso Behenamidopropyl dimethylamine, un condizionante naturale ma molto tossico per i pesci, proveniente dalla lavorazione dell’olio di semi dell’albero di Moringa.

E’ una sostanza approvata dal disciplinare Icea, quindi è contenuta in molte formulazioni di balsami e maschere eco bio e certificate.

Sul Biodizionario ha il “pallino giallo” perchè è, a quanto pare, il meno peggio tra i sali d’ammonio quaternari.

In questa lista ho escluso i balsami con questo ingrediente, privilegiando le formulazioni più innocue possibili per il pianeta.

Cosa cercare al supermercato

  • Splendo’r al Cocco
  • Ultra Dolce di Garnier Mandorla Dolce e Fiori di Loto
  • Garnier Fructis Puliti e Brillanti
  • I Provenzali Linea Bio al Sapote
  • Omia Laboratoires (tutta la linea)
  • Omnia Botanica tutta la linea (tranne Aloessence).

Avete altri balsami con buon inci da segnalare?

Fatevi avanti, vi aspetto nei commenti!

Alla prossima.