L’esfoliazione è uno step fondamentale per mantenere la pelle luminosa e in salute.

Ci sono diversi modi per attuarla in casa con prodotti economici e sicuri.

Cos’è l’esfoliazione cutanea

L’esfoliazione della pelle (in inglese “peeling) consiste sostanzialmente nell’asportazione dello strato corneo superficiale.

Si tratta di un fenomeno naturale e fisiologico, che avviene già normalmente da sè: la pelle, infatti, si esfolia da sola.

I peeling servono ad accelerare e favorire questo processo e rendono la cute subito più pulita, liscia e setosa, pronta a ricevere i trattamenti di bellezza.

Non parleremo, ovviamente, delle pratiche mediche (vietata in cosmesi), in quanto eseguita con sostanze fortemente cheratolitiche (acido salicilico, resorcina, acido lattico, acido glicolico ed altre sostanze) utilizzate ad alte dosi (fino al 70%).

In questo articolo ci riferiamo alle pratiche cosmetiche e casalinghe, i cosiddetti peeling superficiali, che servono per eliminare l’accumulo di cellule morte. che rendono la pelle spenta e non uniforme.

Esfoliazione della pelle: i vantaggi

L’esfoliazione arreca vantaggi a tutti i tipi di pelle, in quanto:

  • Contrasta la comparsa di brufoli, punti neri ed altre impurità
  • Facilita l’assorbimento dei trattamenti che vengono utilizzati dopo (creme idratanti, lozioni, sieri antietà eccetera)
  • Stimola la produzione di collagene ed elastina, mantenendo a lungo la pelle più giovane e fresca
  • Stimola il rinnovamento cellulare che rallenta con l’avanzare dell’età, rendendo la pelle più luminosa e colorita.

esfoliazione pelle ragazza

Esfoliazione cutanea: con quale frequenza?

L’esfoliazione della pelle va eseguita regolarmente, con una frequenza che dipende dal tipo di pelle:

Anche la pelle asfittica e la pelle con macchie hanno bisogno di essere esfoliate con frequenza, ma è meglio valutarle caso per caso.

L’esfoliazione della pelle va eseguita tutto l’anno, con una intensificazione della frequenza nella stagione autunnale, quando i residui di abbronzatura la rendono opaca e disomogenea.

Tipologie di esfolianti

Possiamo suddividere gli esfolianti in 2 grandi categorie:

  • Esfolianti meccanici: scrub, maschere, spazzoline, spugnette, guanti
  • Esfolianti chimici: acidi e polidrossiacidi, peeling enzimatici.

I primi sono economici ed agevoli da utilizzare, hanno poche controindicazioni, possono essere utilizzati frequentemente e tranquillamente in casa. Sono ottimi per mantenere pulita la pelle grassa, mista, impura.

I secondi (mi riferisco, ovviamente alla tipologia “casalinga”) sono leggermente più cari, con prezzi vari ma generalmente accessibili, sono controindicati su pelli molto sensibili e reattive, irritate ed arrossate e devono essere utilizzati con più prudenza, seguendo attentamente le istruzioni del produttore. La loro funzione varia a seconda del tipo di acido impiegato.

Come avere una bella pelle

Come esfoliare la pelle: esfolianti meccanici

  • Scrub

E’ il metodo più semplice, economico ed alla portata di tutti. Adatto praticamente a tutti i tipi di pelle, può essere una crema o un gel composto da minuscole particelle abrasive (derivanti da noccioli oppure consistenti semplicemente in sale o zucchero), da massaggiare delicatamente sulla pelle del viso e del corpo per qualche minuto. Si sciacqua con acqua tiepida.

 

  • Maschera

Metodo pratico e non aggressivo per esfoliare la pelle e pulirla in profondità. Si stende sul viso in generosa quantità e si lascia seccare. Poi viene asportata con una spugnetta, una spatola o semplicemente in acqua tiepida. La maschera esfoliante ha il vantaggio di purificare la pelle, liberandola dalle cellule morte, senza bisogno di essere strofinata. Ha un’azione astringente sui pori dilatati. Interessante la versione “peel off”.

  • Spazzola

Pratica, ecologica ed economica la spazzola da massaggiare sul viso per effettuare una delicata esfoliazione e stimolare la microcircolazione locale. Rigenera la pelle, sostituendo a tutti gli effetti il classico prodotto scrub. Si può utilizzare asciutta o bagnata, da sola o insieme al detergente. A seconda della pressione e della velocità con cui si utilizza, esercita una piacevole carezza rilassante o stimolante, benefica per la pelle. Esiste anche la versione per il corpo.

  • Guanto

Come la spazzola, il guanto esfoliante è un dispositivo economico ed efficace per la pulizia frequente del viso e del corpo. Di solito realizzato in fibre naturali, si massaggia sulla pelle con movimenti circolari, più delicatamente sul viso, più energicamente sulle zone più spesse e ruvide. Ecologico e biodegradabile come la spazzola, può essere utilizzato a secco o bagnato. Si lava comodamente in lavatrice.

 

  • Spugna

Un altro strumento economico ed utile per tenere sotto controllo le impurità del viso e del corpo, esfoliando delicatamente la pelle. La spugna esfoliante è realizzata con materie vegetali (luffa, bamboo, konjac), è resistente, duratura ed efficace. Si passa delicatamente sulla pelle dopo essere stata inumidita, con o senza detergente. Le più moderne sono impregnate di sostanze attive per le specifiche esigenze della pelle.

Come esfoliare la pelle: esfolianti chimici

Sono prevalentemente gli acidi della frutta (alfaidrossiacidi e betaidrossiacidi): acido glicolico, salicilico, mandelico, lattico, malico ed altri.

Alcuni sono più indicati per “grattare” via dalla pelle le impurità superficiali, come l’acido salicilico, altri la esfoliano più in profondità, idratano ed attenuano rughe e macchie, come il glicolico ed il mandelico.

Tra gli esfolianti chimici dolci spicca anche il gluconolattone.

  • Acido glicolico

Acido esfoliante naturale per eccellenza, l’acido glicolico può essere adoperato con successo anche a percentuali casalinghe. Pulisce la pelle in profondità, attenua i segni d’espressione, libera i pori ostruiti e ne minimizza la circonferenza, aiuta la cute a rinnovarsi agendo sulle macchie (sia rosse che scure) più superficiali.  Un trattamento antiage da concedersi regolarmente.

  • Acido mandelico

Esfoliante dolce, è ben tollerato anche alle pelli più sensibili e reattive. Ricavato dalla mandorla, è un ottimo attivo per le macchie della pelle, agisce come levigante contro i primi segni dell’età, favorendo l’ossigenazione delle cellule. Rende la pelle complessivamente più luminosa e compatta. Usato costantemente regala i suoi bei risultati.

  • Peeling enzimatico

Il peeling enzimatico è una tipologia di esfoliante che non utilizza le micro-particelle con azione meccanica, bensi un mix di enzimi di origine naturale che agiscono in profondità stimolando il rinnovamento cellulare. Ha un’azione più incisiva e meno abrasiva rispetto agli esfolianti meccanici. Ottimo per contrastare le macchie scure. Adatto anche alle pelli sensibili.

  • Gluconolattone

Il gluconolattone è un polidrossiacido, utilizzato come ingrediente cosmetico per ottenere effetti simili a quelli degli alfaidrossiacidi (come l’acido glicolico) senza incorrere negli effetti irritanti che spesso questi ultimi provocano. Modula il processo di cheratinizzazione ed ha anche un effetto antiossidante e riparativo della barriera cutanea danneggiata. Ottimo antiage e depigmentante.

 

Vi dedicate ogni tanto all’esfoliazione della pelle?
Quali prodotti utilizzate?
Alla prossima!