saponi sono tensioattivi anionici e si ottengono trattando un grasso trigliceride con la soda caustica.

Scopri i vari tipi di sapone e se sono adatti alla detergenza del corpo!

Saponi: come sono fatti?

Il sapone appartiene alla classe dei tensioattivi anionici e si ottiene trattando un grasso trigliceride (animale o vegetale) con la soda caustica.

Come tensioattivo, il suo compito è sciogliere le sostanze grasse durante il processo di detergenza.

Il sapone viene creato attraverso la saponificazione, un processo attraverso il quale i grassi vengono sciolti dando origine al sale carbossilico (il sapone, appunto).

Il sapone ha un ph alcalino (tra 9 e 10) superiore a quello della pelle, che è leggermente acido (5.5).

In generale tutti i saponi sono “naturali”, in quanto sono formulati con grassi naturali.

La differenza sta nel tipo di grasso: nei saponi tradizionali, a buon mercato (quelli che si trovano nei supermercati, per intenderci) viene utilizzato, di solito, il grasso di maiale (il più utilizzato anche nell’antichità), mentre nei saponi eco bio si usano esclusivamente grassi vegetali.

I tipi di sapone

Esistono, in realtà, anche saponi “acidi”, una forma ibrida, una sorta di via di mezzo tra il sapone ed i detergenti moderni.

Il suo nome è “syndeth“, detto anche “sapone non sapone”.

Il syndet è un detergente sintetico a tutti gli effetti, formulato con tensioattivi diversi dal sapone (a volte esso è presente in piccole quantità), pur conservando la forma del sapone, di solito quella di un panetto solido.

Per fare un esempio, Dove Cream Bar è il classico syndeth, impropriamente detto “saponetta Dove”.

Rispetto al sapone, ha un ph più adeguato alla pelle (circa 5,5), ma può risultare troppo sgrassante.

E’ bene sceglierlo con sostanze surgrassanti, tipo oli vegetali e glicerina.

Lavarsi con il sapone: sì o no?

Per centinaia di anni, fino ai Cinquanta del secolo scorso, in realtà il sapone è stato il principale tensioattivo utilizzato in tutto il mondo per la detergenza, in virtù della sua economicità.

Ed è stato così fino alla comparsa degli altri tensioattivi.

Oggi, con l’avvento della cosmetica biologica, il sapone è stato molto rivalutato per il lavaggio di tutto il corpo.

Tuttavia in pochi  sono favorevoli alla detersione con i saponi ed i pareri degli esperti si dividono nettamente.

C’è chi li consiglia e li formula in casa, utilizzandoli per la detersione di tutto il corpo.

Secondo questa “fazione”, dopo il lavaggio con il sapone basta utilizzare un tonico acido per ristabilire il normale ph cutaneo.

Altri, invece, sconsigliano nettamente il sapone, proprio per il rischio di “scombinare” eccessivamente il ph epidermico.

Eppure, se non fosse per il ph, il sapone sarebbe ideale per il lavaggio, proprio perche’ agisce in modo meno ‘drastico’ rispetto agli altri tensioattivi.

Personalmente, consiglio di non farne un uso esclusivo: io li utilizzo per lavare le mani e qualche volta il viso, ma non in maniera continuativa.

Non riesco proprio a farne a meno: adoro i saponi naturali e artigianali, li trovo bellissimi!

Decisamente sconsigliato è, invece, l’uso del sapone per lavarsi i capelli e per l’igiene intima: in queste zone del corpo il ph è ancora più acido rispetto al resto della pelle, quindi l’utilizzo del sapone potrebbe veramente fare danni.

Saponi eco bio: marche e tipologie

I saponi ecobio sono realizzati esclusivamente con grassi naturali, (oli vegetali) ed estratti botanici da agricoltura biologica.

Questo tipo di sapone è sicuramente da privilegiare, in quanto gli oli vegetali sono decisamente più sebo-affini.

Ecco alcune delle marche più note di saponi ecobio e le loro “specialità saponifere”!

  • Sapone all’olio di oliva

La Saponaria è una delle più note aziende produttrici di saponi (e non solo). I suoi saponi sono dei veri capolavori di delicatezza e funzionalità. Formulati con olio extravergine di Oliva ed altri oli pregiati, contengono oli essenziali ed estratti di piante scelti per le diverse esigenze della pelle. Ho provato il sapone alla Rosa e Karitè, ottimo per la pelle secca e sensibile. Questa invece è al versione Arancio e Cannella, dalle proprietà antiossidanti.

Sapone all'Olio Extravergine di Oliva - Arancia e Cannella
Sapone all’Olio Extravergine di Oliva
La Saponaria
  • Sapone delicato per bambini

I saponi di Weleda sono buonissimi e non seccano la pelle. Questo, in particolare, è formulato per pelli delicate e arrossate. Contiene Calendula, Camomilla, Iris e Viola. La presenza dell’amido di riso fa la differenza! Ottimo per la pelle dei bambini.

 

Sapone Vegetale alla Calendula - Weleda
Sapone Vegetale alla Calendula
Weleda
  • Sapone per pelle grassa

A rendere speciali i saponi di Verdesativa è certamente l’olio di Canapa! Quello al Tea Tree Oil (lo provai tempo fa) è delicatamente purificante, ottimo per la pelle grassa e impura. E’ formulato anche con olio di Cocco, glicerina, estratto di vite e curcuma.

 

Sapone Vegetale Canapa e Tea Tree
Sapone Canapa e Tea Tree
Verdesativa
  • Sapone di Marsiglia

Ottimo il rapporto qualità/prezzo dei saponi di Green Natural. Il sapone di Marsiglia è un classico intramontabile. Essenziale ma efficace, può essere usato sia per l’igiene personale che per il bucato. Certificato Icea.

 

Sapone di Marsiglia
Sapone di Marsiglia
Green Natural
  • Sapone di Nablus

E’ un prodotto particolare, lavorato con cura e formulato esclusivamente con olio di oliva cotto a fuoco lento per alcuni giorni. Si utilizza l’acqua della città palestinese di Nablus (da cui trae origine il sapone) che è ricca di minerali. Ha proprietà emollienti e idratanti. Ottimo per pelle sensibile.

Sapone di Nablus
Sapone di Nablus
Herborea
  • Sapone nero africano

Consiglio di provare il sapone nero di Hammam, con olio di Oliva ed olio essenziale di Eucalipto. Proviene da una antica tradizione marocchina, si usa prevalentemente sul corpo, grazie alla sua azione esfoliante e purificante. Bellissimo anche da regalare!

 

Sapone Nero Vegetale "Noire di Hammam"
Sapone Nero “Noire di Hammam”
Carone SNC
  • Sapone di Aleppo

Il celebre sapone di Aleppo, la cui ricetta è originaria della Siria, è formulato con olio di Oliva ed olio di Alloro ed è completamente biodegradabile. Sfrutta le proprietà antiossidanti ed emollienti dell’olio di oliva e quelle antisettiche dell’olio di Alloro. Adatto per l’igiene di tutto il corpo, anche dei capelli.

Sapone Aleppo Vegetale all'Olio di Oliva e Olio di Alloro al 16%
Sapone Aleppo Vegetale
Carone SNC

Da leggere: saponette fatte in casa

Questi sono alcuni dei saponi ecobio delle marche più celebri e gettonate.

Li avete mai utilizzati?

Alla prossima!

Come avere una bella pelle